L'UNIVERSITA' ULTRA BIGOTTA

Allatta nei locali dell'università. Viene allontanata. Ora l'ateneo si scusa

La mamma è stata cacciata da una guardia giurata. Poi con il marito ha scritto una lettera ad un quotidiano locale. E sono arrivate le scuse del rettore
Una mamma e il suo bambino

Una mamma e il suo bambino

globalist 30 aprile 2018
Ci risiamo. Questa volta è accaduto all'università di Parma, dove una mamma è stata allontanata da una guardia giurata perché stava allattando. L'università ora si scusa con i genitori "vittime di questo deplorevole e spiacevole episodio" e "ribadisce e conferma la propria grande attenzione nei confronti dei diritti umani e sociali". Era stata la stessa coppia, medico e infermiera, a rendere nota la vicenda con una lettera alla Gazzetta di Parma, spiegando che per la guardia un'area universitaria "non era adatta a queste scene". "L'allattamento al seno è il principale determinante di salute nei primi anni di vita: è doveroso da parte di ognuno, istituzioni in primis, promuoverlo e favorirlo, garantendo il diritto delle mamme di allattare liberamente", scrive l'Ateneo sul proprio sito, aggiungendo che è prevista la creazione all'Università di tre spazi "dove studentesse, dipendenti, ma anche le private cittadine che ne abbiano necessità, potranno allattare e accudire i propri bambini".

Commenti

Post più popolari