STOP AL PONTE SUL TAMIGI

Costa troppo: il sindaco di Londra rinuncia al ponte-giardino sul Tamigi

Sadiq Khan ha cancellato il progetto voluto dal predecessore Johnson: troppi 200 milioni di sterline
Il ponte-giardino sul Tamigi a Londra: il nuovo sindaco non lo finanzierà
globalist29 aprile 2017
Il ponte-giardino sul Tamigi a Londra: il nuovo sindaco non lo finanzierà
Una idea non brutta. Ma troppo costosa. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha cancellato il progetto promosso dal suo predecessore Boris Johnson di costruire un "ponte giardino" pedonale sul Tamigi, rifiutando di garantire il finanziamento con la casse cittadine della capitale britannica. Il ponte pedonale, che nelle intenzioni di Johnson avrebbe dovuto trovare finanziamenti privati, doveva essere coperto di piante e alberi e rappresentare una nuova attrazione turistica non lontana dal London Eye, tra i ponti di Waterloo e Blackfriars.
Il Garden Bridge doveva costare inizialmente 60 milioni di sterline (71 milioni di euro), ma cifra è poi salita a oltre 200 milioni di sterline, dei quali 70 mancano all'appello. Un audit ha stabilito che sono stati già spesi 37,4 milioni di sterline in denaro pubblico e che i contribuenti dovranno sborsare in totale 46,4 milioni per rinunciare alla costruzione, opzione preferibile alla realizzazione di un ponte i cui costi potrebbero essere fuori controllo.
Khan ha detto che sotto il predecessore Boris Johnson, oggi a capo del Foreign Office, è stato speso molto denaro pubblico e che non bisogna spenderne altro. Secondo il laburista Khan Londra rischia di restare con un ponte costruito a metà. "Il gap nei fondi è ora a 70 milioni e sembra improbabile che il trust riesca a raccogliere il necessario da finanziatori privati" ha detto il sindaco. "Non sono pronto a rischiare che debba intervenire il contribuente sborsando cifre considerevoli per il completamento". Il Garden Bridge Trust promette battaglia, ma ora deve trovare un altro organismo in grado di garantire il inanziamento.

Commenti

Post più popolari