IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

giovedì 27 luglio 2017

MINNITI: PAGHIAMO I MIGRANTI PER RIMPATRIARLI

L’idea di Minniti: pagare i migranti perché tornino a casa

Per il ministro "è molto importante che si sia deciso un passo che va nella direzione dei rimpatri volontari assistiti"

Dopo aver sostanzialmente confermato in Parlamento la versione di Emma Bonino, secondo cui fu il governo Renzi a chiedere espressamente che fossero i porti italiani a gestire il flusso degli immigrati, il ministro degli Interni Marco Minniti è passato alla fase B, ovvero la ricerca condivisa di soluzioni. Tra le quali spunta quella di pagare i migranti per far rientro nei loro paesi d’origine. Insomma, non tanto un “aiutarli a casa loro”, paradigma che prevederebbe investimenti in loco che avrebbero effetto solo fra alcuni anni, bensì un “aiutarli a tornare a casa loro”.
Il documento – si legge su Il Messaggero – è stato firmato lunedì a Tunisi, a conclusione dell’incontro del Gruppo di contatto Europa-Africa, al quale ha presenziato appunto il ministro dell’Interno Marco Minniti. “Un altro passo avanti è stato fatto – ha dichiarato il responsabile del Viminale – non era semplice coinvolgere altri Paesi africani, invece alla Tunisia e alla Libia, si sono aggiunti anche l’Algeria, il Niger, il Mali e il Ciad che sono Paesi chiave per il controllo della rotta del mediterraneo centrale. Si tratta di governare i flussi e di farlo in Africa, con progetti di sviluppo di lungo e medio periodo e farlo con interventi che consentano di avere dei centri di accoglienza che prevedano il rispetto dei diritti umani”.
Quindi, come accennato, l’ipotesi degli “incentivi” al rientro in patria. Per il ministro “è molto importante che si sia deciso un passo che va nella direzione dei rimpatri volontari assistiti, offrendo opportunità di vita a coloro che hanno affrontato la sfida dell’attraversamento del deserto. Ecco è una opzione molto impegnativa, strategicamente decisiva”.
L’obiettivo è convincere i migranti a non affrontare la traversata sui mezzi di fortuna messi a disposizione dei trafficanti di esseri umani. In cambio, ottengono circa tremila euro: 500 più il biglietto aereo subito prima della partenza, e poi, una volta rientrati nella terra d’origine, ci sarà l’Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni) ad aiutarli ad aprire un’attività commerciale, o a incentivare un’attitudine artigianale.
Fino a questo momento sono state 5000 le persone che hanno scelto di tornare a casa con il rimpatrio volontario assistito.

Nessun commento:

Posta un commento