IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

sabato 8 luglio 2017

INTERVENTO ALL'AVANGUARDIA A TORINO MOLINETTE

Torino, ricostruita la laringe e i muscoli del collo. Il paziente era affetto da tumore maligno

ARTICOLOTRE
-Redazione – Torino all'avanguardia, in Italia, nell'intervento di ricostruzione della laringe(tecnicamente definita laringoplastica) con i muscoli del collo, dopo essere stati asportati a causa di un tumore. L'operazione è stata eseguita, per la prima volta nel nostro Paese, all'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino. “Si tratta di una vera rivoluzione nel campo della patologia oncologica della laringe – hanno spiegato i medici -. Questa operazione consente al paziente di riprendere a parlare, a bere e a mangiare in tempi rapidissimi, senza danni permanenti e con una altissima percentuale di guarigione”.
L'operazione è stata eseguita dal professor Giancarlo Pecorari presso l'Otorinolaringoiatria universitaria dell'ospedale Molinette, diretta dal professor Roberto Albera. L'importante novità di questa tecnica chirurgica innovativa, rispetto agli altri interventi di laringectomia subtotale, consiste nella completa ricostruzione della laringe con i muscoli del collo. Questo intervento, reso possibile grazie alla collaborazione con l'Università di Lione, è stato effettuato su un paziente di 73 anni, affetto da recidiva di tumore laringeo. Fino a poco tempo fa l'uomo sarebbe stato sottoposto all'asportazione subtotale o totale della laringe, dopo circa 10 giorni dall'operazione invece è tornato alla sua normale attività lavorativa e di relazione. 
Il tumore maligno della laringe è il più frequente tumore del distretto testa – collo e rappresenta circa il 2,5% di tutte le neoplasie maligne nell'uomo e lo 0,5% nella donna. In Italia attualmente vengono diagnosticati circa 5.000 nuovi casi di tumore della laringe ogni anno (circa 250 solo a Torino e provincia), interessando per lo più soggetti con età compresa tra 50 e 70 anni.
8/7/2017

Nessun commento:

Posta un commento