IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

lunedì 3 luglio 2017

COL CAZZO CHE FRANCESI E SPAGNOLI LASCIANO ENTRARE I MIGRANTI!

Migranti, Francia e Spagna contro gli sbarchi nei loro porti

Migranti, Francia e Spagna contro gli sbarchi nei loro porti
Migranti, Francia e Spagna contro gli sbarchi nei loro porti
BRUXELLES – Dopo l’incontro dei ministri dell’Interno di Francia, Germania, e Italia e del commissario Ue Dimitris Avramopoulos a Parigi, la Commissione europea è al lavoro per preparare alcune “misure concrete” sul dossier migranti. Come annuncia uno dei portavoce della Commissione europea le azioni saranno discusse al collegio dei commissari martedì. La questione rimane tuttavia irta di ostacoli. Francia e Spagna sarebbero infatti contrari all’idea di permettere lo sbarco dei migranti soccorsi nel Mediterraneo centrale nei loro porti. Lo apprende l’Ansa da fonti a Bruxelles.
Domenica l’Italia aveva incassato la “piena intesa” di Francia e Germania sulla questione migranti al prevertice di Parigi che anticipa di pochi giorni il summit di Tallin. E ora la vicenda si sposta sul piano degli effetti pratici evocato dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni stamani.
L’Italia
“intera è mobilitata per far fronte ai flussi e chiede una condivisione Ue che è necessaria se si vuole tener fede alla propria storia e ai propri principi. È necessaria per l’Italia per evitare che i flussi diventino insostenibili alimentando reazioni ostili nel nostro tessuto sociale”, annota il premier aprendo la 40esima conferenza della Fao.
Primo effetto tangibile dell’incontro voluto dal ministro dell’Interno Marco Minniti con i colleghi tedesco e francese, Thomas de Maziére e Gerard Colomb, un documento su più punti che si sta mettendo a punto e che il nostro Paese presenterà giovedì in Estonia all’incontro dei ministri degli Interni di tutti e 28 i Paesi Ue. Il testo, con l’appoggio di Parigi e Berlino, vede tra i punti qualificanti la regolamentazione delle azioni e dei finanziamenti delle Ong e più fondi per consentire alla Libia il controllo delle coste.

Nessun commento:

Posta un commento