IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 7 luglio 2017

BENVENUTI ALL'INFERNO DEL G20

G20, Amburgo a ferro e fuoco: “Benvenuti all’inferno”

ARTICOLOTRE
G20, Amburgo a ferro e fuoco: “Benvenuti all'inferno”- Redazione - Sono momenti di tensione quelli che sta vivendo Amburgo, da questa mattina, a causa della protesta di migliaia di manifestanti, proprio mentre è in corso il G20 dei leader mondiali. Una stazione di polizia è stata data alle fiamme e le forze dell'ordine si sono viste costrette a chiedere rinforzi, con la situazione che man mano va degenerando. Melania Trump è rimasta bloccata nel suo albergo, a causa dei tafferugli, così come diversi altri leader sono arrivati in ritardo proprio a causa delle sommosse. Sono già centinaia le persone rimaste ferite tra poliziotti e anti-capitalisti.
La polizia ha dovuto usare i cannoni ad acqua per eliminare i blocchi, mentre continua ad infuriare la marcia denominata “Welcome to Hell”- “Bevenuti all'inferno”, che non intende placarsi. Si prevede che il numero di manifestanti arriverà ad oltre 100mila. L'organizzatore della protesta Andreas Blechschmidt, ha pesantemente criticato la scelta di un così massiccio intervento delle forze dell'ordine: “La polizia avrebbe dovuto reagire proporzionalmente ... Non era necessaria tanta forza. Ci sono molte persone ferite” a lui si aggiunge un altro dei manifestanti Georg Ismail “La guerra, il cambiamento climatico e lo sfruttamento del pianeta sono il risultato del sistema capitalista che il G20 rappresenta e che 20.000 poliziotti sono qui per difendere”.

Una lunga scia di distruzione ed auto bruciate quella che lascia dietro di se la protesta, ed è per questo che la polizia crede che almeno 8000 dei manifestanti siano pronti a compiere atti violenti. Solo ieri sera i funzionari dell'ordine hanno chiesto a diversi dimostranti di togliersi le maschere e abbassare i cappucci, ma per tutta risposta sono volate spranghe e bottiglie di vetro. Uno degli abitanti del quartiere definisce così la situazione: “Sembra una zona di guerra, sotto stato di emergenza”.
07/07/2017

Nessun commento:

Posta un commento