IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

martedì 13 giugno 2017

TRUMP VS MUELLER

Trump vuole licenziare il procuratore speciale del Russiagate

Il miliardario taglia la testa su chi indaga su lui e i suoi amici. Preoccupati gli stessi repubblicani: Robert Mueller non si tocca
Robert Mueller procuratore speciale del russiagate e Trump
globalist13 giugno 2017
Robert Mueller procuratore speciale del russiagate e TrumpSembra incredibile e, soprattutto, incredibile che possa accadere in una democrazia consolidata come gli Stati Uniti senza che nessuno lo abbia già fermato: dopo aver cacciato il direttore dell'Fbi per bloccare le indagini su lui e i suoi amici, adesso il miliardario sta addirittura pensando di mandare a cara il procuratore speciale nominato per fare luca del Russiagate. Insomma il presidente blocca ogni indagine contro di lui.
Infatti il presidente americano, Donald Trump, starebbe considerando l'ipotesi di licenziare Robert Mueller, il procuratore speciale per il caso Russiagate. Lo ha detto la Cnn citando Christopher Ruddy, un amico del presidente. 
La Casa Bianca ha cercato di smorzare le polemiche, ma la smentita non è efficace: "Ruddy parlava delle sue opinioni", ha affermato la vice portavoce Sarah Sanders. Intanto i repubblicani si schierano contro il tycoon: "Mueller non si tocca".
"Sarebbe un disastro. Non c'è ragione di licenziare Mueller", ha dichiarato il senatore repubblicano Lindsey Graham. In Congresso la nomina di Mueller aveva placato le ire dopo il licenziamento di James Comey dalla guida dell'Fbi. Mueller ha lavorato nelle vesti di capo dell'Fbi per 12 anni, sotto i presidenti George W. Bush e Barack Obama.

Per la prima volta dalla conferma della sua nomina, parla davanti alla commissione Intelligence del Senato Usa il segretario alla Giustizia Jeff Sessions. Davanti alla stessa commissione aveva fatto la sua prima testimonianza pubblica Comey dopo essere stato licenziato da Trump. L'obiettivo è sempre quello di raccogliere ulteriori elementi da usare nell'inchiesta sulla possibile interferenza russa nelle ultime elezioni presidenziali e sui potenziali contatti tra la campagna Trump e i funzionari russi.
Anche questa audizione sarà pubblica (lo ha voluto lui stesso). "Crede che sia importante per il popolo americano ascoltare la verità direttamente da lui", ha spiegato alla vigilia un portavoce del dipartimento della Giustizia riferendosi a Sessions, senatore dell'Alabama per 10 anni prima di essere reclutato da Trump per entrare nel suo governo.

Nessun commento:

Posta un commento