IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

martedì 13 giugno 2017

POLITICAMENTE DEGRADATI, ANCHE

Politica italiana: il degrado di un Paese

Siamo ossessionati dalla arrogante gioventù di Renzi, dalla sfrontatezza assillante del personaggio, che alterna pose da guascone, talvolta irritanti e controproducenti, ad osservazioni più caute e lungimiranti e promesse demagogiche e inattuabili.
di antonio cianci 251039 
martedì 13 giugno 2017 AGORAVOX
E la partigianeria, di cui questo paese è malato, amplifica il tutto.
Per cui sia alcuni politicanti della stessa pasta, avversari o compagni di partito, ma soprattutto alcuni opinionisti o giornalisti, avvezzi al tifo più estremo, vedono apparire nei loro sogni l'ombra di Renzi, come quella di Banquo a Macbeth nella tragedia shakespeariana.Il degrado del Paese di qualunque natura viene messo in capo al politico toscano, che pure ha avuto il coraggio di sfidare la sorte e gli avversari con temerarietà, ottenendo qualche risultato non disprezzabile. Ma voler attribuire i guasti del nostro Paese a Renzi, Letta o Monti, cioè agli ultimi tre presidenti del consiglio è falso e disonesto. Abbiamo dimenticato i governi Berlusconi, D'Alema, Prodi, Dini, Amato, Ciampi ed altri, andando indietro negli ultimi tre decenni. Ricordate quali progressi questi governi hanno fatto fare al paese? Quali riforme di ammodernamento delle istituzioni, dell'economia, del welfare, del territorio, del paesaggio hanno prodotto?
Quale politica del merito, della concorrenza, delle attrezzature digitali hanno favorito?
Oppure hanno assecondato una spesa improduttiva e folle, fatto crescere il debito a livelli insostenibili, precluso il futuro delle giovani generazioni, alimentato la disoccupazione, la povertà ed ogni forma di sottosviluppo?
I governi Monti, Letta, Renzi e quelli che verranno sono naturale conseguenza di quelli che li hanno preceduti, spinti dall'idea perversa che si possa risanare un Paese o addirittura rilanciarne l'economia, con politiche di tasse e spesa, di provvedimenti assistenziali, dispensati dall'alto, ossia dalla classe politica.
L'esperienza politica di questi ultimi 50 anni, non solo in Italia ma in ogni parte del mondo, ha abbondantemente dimostrato che senza libertà, concorrenza, merito, spirito di sacrificio, non decollano progresso e benessere, ma corruzione e sottosviluppo. E quali di questi valori promuove quotidianamente la classe politica nostrana? Altro che la speranza, costantemente invocata da Papa Francesco. C'è poco da sperare!

Nessun commento:

Posta un commento