IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 9 giugno 2017

LE SCUSE DI THERESA MAY

Theresa May conferma i ministri e si scusa per il risultato deludente

May vuole fare in fretta per non permettere a Bruxelles di rinviare i negoziati sulla Brexit col pretesto che "non c'è un governo in Gran Bretagna"
Theresa May senza maggioranza
globalist9 giugno 2017
Theresa May senza maggioranza
La premier conservatrice ha parlato a Downing Street dopo aver incontrato alle 12.30 (le 13.30 in Italia) a Buckingham Palace la regina Elisabetta che l'ha autorizzata a formare un nuovo esecutivo.
'Formerò un nuovo governo per attuare la Brexit e mantenere il Paese sicuro', ha detto la premier. "La Gran Bretagna adesso ha bisogno di certezze" e i conservatori sono gli unici che possono garantirle. La premier britannica ha confermato che i conservatori collaboreranno con gli unionisti nordirlandesi del Dup per sostenere il nuovo governo da lei guidato. Secondo il primo ministro, i due partiti sono accomunati da una "forte relazione" che va avanti da anni."Adesso mettiamoci a lavorare, 'Let's work!", ha concluso la premier.


May nomina i ministri.  Il ministro degli Esteri Boris Johnson, quello degli interni Amber Rudd, il cancelliere dello Scacchiere Philip Hammond, il ministro della Brexit David Davis e il ministro della Difesa Michael Fallon resteranno al loro posto. Lo conferma Downing Street dopo le anticipazioni della Bbc.Per ora ha il sostegno degli unionisti del Dup.  May non vuole permettere a Bruxelles di rinviare i negoziati sulla Brexit col pretesto che "non c'è un governo in Gran Bretagna".

I conservatori della premier britannica Theresa May si attestano come primo partito nel Regno Unito, ma non arrivano alla maggioranza assoluta. Il partito conservatore non ha conquistato la maggioranza di 326 sui 650 seggi di Westminster che gli consentirebbe di governare da solo. Ma l'appoggio degli unionisti irlandesi del Dup apre alla May la possibilità di formare con loro un esecutivo.
Salvagente irlandese
La premier britannica Theresa May ha il sostegno degli unionisti del Dup per la formazione di un governo. Lo riporta Sky News citando fonti dentro il partito unionista nordirlandese.

Incontro con la Regina
La premier conservatrice Theresa May andrà dalla regina a Buckingham Palace alle 12.30 locali (le 13.30 in Italia) per chiedere l'autorizzazione di formare un governo. Lo riferisce Downing Street

Colpo di freno anche al dominio degli indipendentisti scozzesi dell'Snp in Scozia, che non sono riusciti a ripetere il quasi 'cappotto' realizzato nel 2015, quando espugnarono 56 dei 59 collegi del territorio del nord. Stavolta si dovranno accontentare di 32, secondo le proiezioni e i primi risultati, avendone persi diversi a vantaggio di Conservatori, Laburisti e Liberaldemocratici.

Corbyn chiede le dimissioni della May «Theresa May ha perso sostegno, ha perso seggi e ha perso voti, io credo sia abbastanza perché se ne vada». Così il leader laburista Jeremy Corbyn, nel discorso tenuto dopo la rielezione a deputato nel suo collegio. Corbyn ha poi ripetuto che con il voto di ieri «la politica è cambiata» e ha aggiunto che la gente ha fatto capire «di non poterne più di austerity e tagli ai servizi pubblici», ma «ha votato per la speranza». Ha assicurato infine che il Labour insisterà nella sua battaglia ed è orgoglioso dello slogan: «Per i molti, non per i pochi».

Anche dall'interno del Partito Conservatore sono arrivate le prime, velate richieste di dimissioni a Theresa May, a livelli record in termini percentuali, analoghe alle migliori prove di Margaret Thatcher, eppure disastrosamente sotto la maggioranza assoluta di che la premier si proponeva di consolidare in termini di seggi.

La premier «dovrebbe considerare ora la sua posizione», ha detto Anna Soubry, deputata anti-Brexit e da tempo voce critica nei confronti di May. Ironico il commento di William Hague, ex leader Tory, che ha scritto: «Il nostro partito è una monarchia temperata dal regicidio».

Un paese ingovernabile - La Gran Bretagna «ha bisogno di un periodo di stabilità» e i Tory lavoreranno per garantirla, ha detto dal canto suo la premier. Con un tremito nella voce, May ha poi insistito sulla necessità di attuare la Brexit e di difendere "l'interesse nazionale". «Il Partito Conservatore - ha concluso - farà il suo dovere qualunque sia il risultato» finale delle elezioni.

Il quadro che esce dal voto di ieri sembra rendere il Paese quasi ingovernabile e fa già immaginare nuove elezioni in tempi non troppo lontani. Ai Conservatori i numeri mancherebbero infatti anche sommando i "vassalli" unionisti nordirlandesi del Dup. Mentre a Corbyn toccherebbe inventare una coalizione multicolore tanto risicata quanto fragile, dalla quale peraltro i Liberaldemocratici sembrano già volersi sfilare in partenza.

Il Regno Unito si è pronunciato del resto ieri per la terza volta in tre anni. Dopo il voto del 2015 e il referendum che ha decretato il divorzio da Bruxelles nel 2016, i sudditi di Sua Maestà erano stati richiamati alle urne dalla signora primo ministro - in un clima di sorveglianza blindata, sulla scia dei recenti attacchi di Manchester e di Londra - con un solo obiettivo: accrescere il suo peso in Parlamento per avere le mani libere al tavolo con l'Ue e su tutti i dossier che contano, dalle incognite sull'economia all'allarme terrorismo. Ma la meta, che raffiche di sondaggi trionfali avevano dato per scontata per settimane, non sembra essere stata affatto raggiunta.

Il "miracolo" di Corbyn - Jeremy Corbyn, viceversa, ha motivo di esultare, per essere stato capace di condurre a 68 anni una campagna frizzante, con una versione rinnovata del suo programma da vecchio socialista, tornando a far guadagnare seggi al suo partito per la prima volta dal 1997, anno della prima vittoria elettorale di Tony Blair.

Un vero miracolo, per un uomo spesso sottovalutato, talora irriso e in genere osteggiato dall'establishment, non esclusa una parte della nomenklatura laburista. Ma capace, a dispetto di tutto, di risvegliare entusiasmi sopiti, fra i giovani e i meno fortunati. Entusiasmi che dalle piazze questa volta paiono essersi riversati anche nelle urne.

La Brexit nel cestino - «La "hard Brexit" è finita nel cestino della spazzatura stanotte. Theresa May sarà probabilmente uno dei primi ministri con il mandato più breve della nostra storia». Lo ha detto a Itv news l'ex cancelliere dello scacchiere, il conservatore George Osborne, contrario all'uscita della Gran Bretagna dall'Ue. «Theresa May non può ora negoziare la Brexit perché ci ha detto che perdere la maggioranza avrebbe distrutto la sua autorità. E così è stato». Lo scrive su Twitter l'ex leader laburista Ed Miliband, uscito sconfitto dal voto del 2015.

Nessun commento:

Posta un commento