IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

mercoledì 21 giugno 2017

L'ABBANDONO DEI RIFUGIATI DEL SUD SUDAN IN UGANDA

Rifugiati | I paesi donatori abbandonano i rifugiati sud sudanesi in Uganda 

Conflitti | Joyce, 37 anni, ha visto suo marito morire a coltellate. A Jane, 28 anni, è andata anche peggio: dopo aver ucciso il marito l’hanno stuprata a ripetizione. A Patrick, 19 anni, hanno stretto e sorto le dita con le pinze.
di Riccardo Noury - Amnesty International (sito) 
mercoledì 21 giugno 2017 AGORAVOX
Di racconti orribili come questi, frutto di tre anni e mezzo di conflitto feroce e dimenticato nel Sud Sudan, se ne possono ascoltare migliaia e migliaia nei campi allestiti per i rifugiati in Uganda. Amnesty International c’è stata.
Tranquilli, da quella che è la prima crisi dei rifugiati in Africa e la terza nel mondo, in Italia non arriverà nessuno. Perché già quasi un milione di loro è in Uganda e altre migliaia attraversano ogni giorno il confine. L’86 per cento sono donne e bambini. Gli uomini o sono rimasti a combattere o sono stati già ammazzati.
Alla vigilia della Giornata mondiale del rifugiato, la vicenda ugandese dimostra quanto lo slogan “Aiutiamoli a casa loro” sia ipocrita. Di case in Sud Sudan, dove c’è la carestia e si profila un genocidio, non ce ne sono più.
Allora, si dice, “Aiutiamoli vicino a casa loro”. Ipocrita, anche questo.
A maggio, le Nazioni Unite hanno fatto i conti: dei fondi richiesti per aiutare il governo ugandese e le organizzazioni di aiuto umanitario ad assistere i rifugiati sud sudanesi, era arrivato solo il 18 per cento. Da qui a fine anno occorreranno oltre 4,1 miliardi di dollari. Non per lenire i traumi, ma per garantire ogni giorno acqua, cibo e un riparo.
Il 22 e 23 giugno nella capitale ugandese si terrà il Kampala Solidarity Summit on Refugees, un vertice ad alto livello cui prenderanno parte molti rappresentanti dei paesi donatori.
L’Uganda, che continua a dimostrarsi accogliente e generosa e che ha una delle leggi in materia di rifugiati più avanzate del mondo mentre molti paesi stanno chiudendo i confini e inasprendo le legislazioni, dev’essere sostenuta e non lasciata da sola. E i rifugiati sud sudanesi non devono diventare le nuove vittime del fallimento collettivo e vergognoso della cooperazione internazionale

Nessun commento:

Posta un commento