IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

sabato 3 giugno 2017

LA SIRIA VISTA DA INSTAGRAM

Siria, desolazione e distruzione: le città negli scatti di Istagram

Da Damasco ad Aleppo: una carrellata di diapositive social che raccontano il caos, la disperazione, la guerra.
Per me un'immagine vale più di mille parole: Dunia Shabib
Desk2 GLOBALIST3 giugno 2017
Dall'ingresso dei carri armati nelle città, alla lenta agonia di case, palazzi, persone. Oggi le guerre sono social, tutte di fuori. Si può vedere qualche minuto dopo un bombardamento, come i bambini vengono salvati dai caschi bianchi ad Aleppo. Come fu per Omran, salvato dalle macerie, con il volto rigato dal sangue ma non dalle lacrime. È la guerra nell'èra dell'Homo videns. Tutta foto, immagini, video. A questo continuo circolare di immagini-simbolo si accosta la condivisione, il ripostare, suggellato dal definitivo Mi Piace. Ma dai social arrivano anche le foto della normale distruzione quotidiana. Ed è questa linea che inseguono gli scatti proposti dal Guardian. Bellezza e caos attraverso le immagini di Istagram. 

Come racconta l'autore Ahmed Haj Hamdo la realtà della guerra in Siria dipende anche da quale città la vivi. Se nella capitale, Damasco, sotto il controllo del governo, la vita è tornata a una qualche parvenza di normalità dopo sei anni di sangue, ad Aleppo normalità significa scavare tra il edifici in rovina, mutilati dalle bombe. 

Per me un'immagine vale più di mille parole:  Dunia ShabibDa Damasco ad Aleppo: ecco qualche immagine.


Yaman Sadiq in Damascus




Dunia Shabib in Damascus




Yehia Alrejjo formerly in Aleppo




Iman Tijmieh in Tartus




Ghassan Zarifeh in Damascus

Nessun commento:

Posta un commento