IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 30 giugno 2017

IN USA ENTRA IL MUSLIM BAN

Gli Usa chiudono le porte: è entrato in vigore il Muslim ban

Rispetto alla versione iniziale di Trump è molto ridimensionato: colpiti cittadini di sei paesi 'a rischio'.
globalist30 giugno 2017
Quando in Italia sono scoccate le due di notte, negli Stati Uniti è entrato ufficialmente in vigore - anche se solo parzialmente - il cosiddetto 'Muslim Ban' voluto dal presidente americano Donald Trump. Dopo mesi di battaglie legali, proteste e modifiche, l'ordine esecutivo che blocca temporaneamente l'ingresso in Usa ai cittadini in arrivo da sei nazioni prevalentemente musulmane (Libia, Iran, Somalia, Sudan, Siria e Yemen) è stato promosso dall'amministrazione come una misura necessaria per proteggere il popolo americano. Eppure, scrive il Washington Post in un'analisi, le misure stringenti volute dalla Casa Bianca non avrebbero salvato alcuna vita da attacchi terroristici negli ultimi 20 anni.

Trump




















Il quotidiano ha pubblicato un elenco di 24 attacchi compiuti negli Usa, da cui emerge un dato: nessuno sarebbe stato evitato grazie a questo travel ban. Nemmeno i dirottamenti dell'11 settembre 2001, che furono opera di 19 persone, nessuna delle quali proveniente da una delle nazioni presenti sulla lista 'nera' di Trump. I dirottatori erano cittadini di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Libano. Lo stesso può essere detto del tentativo di detonare una bomba a bordo di un aereo diretto a Detroit (Michigan) da parte di un uomo nato in Nigeria o dell'attentato alla maratona di Boston (Massachusetts) dell'aprile 2013. Nemmeno la strage di San Bernardino (California) del 15 dicembre 2015 sarebbe stata evitata: è stata compiuta da una coppia composta da un cittatino nato in Usa e da uno pachistano. E la sparatoria al night club Pulse a Orlando (Florida) nel giugno 2016? Nemmeno quella: ad aprire il fuoco fu un ragazzo nato nel Queens (New York).

"E' chiaro che Trump e la sua amministrazione hanno abbracciato il travel ban come simbolo dei loro sforzi per combattere il terrorismo - conclude il Washington Post - non è tuttavia chiaro coma farà il ban a centrare l'obiettivo". Forse di questo la Corte Suprema terrà conto quando in autunno si occuperà del caso. Per il momento ha permesso l'entrata in vigore parziale di un provvedimento che è destinato a generare caos negli aeroporti. Anche per via di una clausola imposta dal massimo organo giudiziario Usa: Trump non può impedire l'ingresso nella nazione a chi ha relazioni in "bona fide" in Usa. L'amministrazione è corsa ai ripari fornendo direttive, ma non è escluso che il personale negli aeroporti faccia confusione.

Nessun commento:

Posta un commento