IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 30 giugno 2017

IL PRESIDENTE DUTERTE NON HA RISPOSTO ALLE NOSTRE E-MAIL PER SPIEGARE LA SITUAZIONE

Là dove c'è il sangue c'era un uomo: gli orrori degli squadroni della morte

Continuano gli omicidi extra-giudiziali dopo l'arrivo di Duterte. Amnesty accusa: i killer non uccidono i criminali, ma solo i più poveri
Continuano gli omicidi extra-giudiziali nelle Filippine
globalist29 giugno 2017
Continuano gli omicidi extra-giudiziali nelle FilippineNelle Filippine il presidente Duterte continua a godere di un ampio consenso, soprattutto da campagne e province. 
Pochi intellettuali parlano; la Chiesa cattolica denuncia ma è inascoltata. E se prima Obama aveva tentato di obiettare qualcosa, ora alla Casa Bianca c'è un miliardario che, se potesse, farebbe altrettando, rispolverando l'epopea del far west dove la giustizia se la facevano da soli e soprattutto il più forte decideva cosa fosse la giustizia. Non la legge.
Si continua a morire nelle Filippine. "Se sei povero vieni ucciso: esecuzioni extragiudiziali nella 'guerra alla droga' della polizia" così aveva accusagto Amnesty International. 
Il rapporto Amnesty International aveva spiegato in dettaglio come la polizia prenda sistematicamente di mira persone povere e indifese in ogni parte del paese, falsificando le prove, pagando sicari, derubando le persone uccise e producendo rapporti falsi su scontri a fuoco non verificatisi. "Questa non è una guerra alla droga, è una guerra ai poveri. Spesso sulla base della più labile prova, persone accusate di consumare o vendere droga sono uccise per soldi in quella che è diventata un'economia degli omicidi".
Là dove c'è il sangue c'era un uomo. Gli orrori degli squadroni della morte.

Nessun commento:

Posta un commento