IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

mercoledì 14 giugno 2017

IL PRECARIO PUBBLICO

Per l’Istat sono mezzo milione i precari della Pubblica amministrazione

ARTICOLOTRE
precari-pa-Redazione- Sono quasi mezzo milione i precari della pubblica amministrazione, settore in cui i lavoratori sono quasi 3,5 milioni. A dirlo sono i primi risultati del censimento permanente dell’Istat sulle istituzioni pubbliche. “Al 31 dicembre 2015 sono attive 12.874 istituzioni pubbliche che impiegano 3.305.313 lavoratori dipendenti, di cui 293.804 a tempo determinato, pari all’8,4%, e 173.558 non dipendenti (collaboratori, altri atipici e lavoratori temporanei)” affermano dall’Istat. Tradotto significa che tra contratti a termine e atipici nella P.a. ci sono 467.362 lavoratori precari. 
La presenza delle donne tra gli occupati supera la metà, stima che si assottiglia di molto appena si arriva alle posizioni apicali. La percentuale femminile è pari infatti al 56% ma negli organi di vertice “è limitata e pari al 14,4%”, precisa l’Istat.
La nuova strategia dei censimenti messa a punto dall’Istat genererà “un risparmio per le casse dello Stato, stimato per oltre 200 milioni”. Lo ha affermato il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, nel corso della presentazione dei primi risultati del censimento permanente per la P.A. Per Alleva con il nuovo sistema dei censimenti permanenti, con un’informazione a cadenza annuale e non più decennale, il “carico di lavoro per le amministrazioni coinvolte sarà minore e così il fastidio statistico sui cittadini”.
“L’auspico ora è quello di potere collaborare insieme per rafforzare ulteriormente l’Istituto, ragionando su come riformare il sistema statistico nazionale. Su questo ci sarà la massima collaborazione con il solo intento di rafforzare ancora di più l’indipendenza e la qualità dell’Istituto”, ha commentato la ministra della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, alla presentazione dei primi dati del censimento dell’Istat sulle amministrazioni pubbliche.

Nessun commento:

Posta un commento