IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 30 giugno 2017

IL NASONE

Home / Attualità / E bravo ministro Nasone!

E bravo ministro Nasone!

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.it
Come mi piace il ministro Gianluca Galletti: mi piace soprattutto per la sua competenza e per la sua statura istituzionale. Per cercarlo su Google ho fatto fatica: continuavano a propormi solo galletti amburghesi: vuoi comprare galletti amburghesi? Fissa il prezzo su…compra, qui, galletti amburghesi congelati…tutta la fragranza…garantito…
Non sapevo che esistesse anche un ministro Galletti, un ministro del governo Gentiloni, ex Renzi, ex UDC, ex Casa delle Libertà, ex nuclearista convinto (anche nel proprio giardino! tuonava…) ex assessore del sindaco Guazzaloca (cdx) di Bologna, convinto assertore della difesa della famiglia, attivo partecipante al “Family Day”, ecc, ecc, ecc…
E’ il tipico politico della nostra era, come ritmava Fossati in La mia banda suona il rock: “oggi, fare tutto è un’esigenza”. Insomma, ha fatto carriera semplicemente perché è il commercialista di Casini.
Così, si fa anche il ministro dell’Ambiente, con sublimi competenze che gli derivano dall’aver spulciato, per anni, bilanci e bilanci. Buoni, truccati, da truccare, santissimi, maleodoranti e pizzineschi.
Quando l’Ambiente non dorme e da segno di sé – ancora Fossati…”Panama, che non dà segno di sé” – fra una piñacolada e un piatto di tortellini, si deve inventare qualcosa perché c’è la siccità. Ovviamente, tipi come il nostro bel Galletto non credono un acca del mutamento climatico: non perché se ne siano fatti un’opinione, ondeggiando fra i sostenitori della teoria antropica e, all’opposto, quelli della teoria dei cicli climatici naturali…no…semplicemente, non ne sa proprio niente!
Proprio mentre è al telefono con Pierferdinando – Ehi, Pier, devi mandarmi il bilancio della tua fondazione, altrimenti come faccio a farti avere lo sgravio fiscale? Quand, mercul d’sira? An pos brisa…go da andar a Mirandola, por la festa dal m’lon…eh, cusa vol c’at diga…ben, alora fem Giobia…as fem du turtein d’la Cesira? Va be, a Giobia d’sira… – mentre squilla l’altra linea, quella pubblica.
E un giornalista dei “nostri” – an pos brisa dirg ad no, ciao Pier, a Giobia – che gli chiede cosa farà il governo per ovviare alla siccità. Lì per lì, gli viene da dire: cosa vuole che ne sappia io?!? Poi, si ricorda d’essere il Ministro dell’Ambiente, quello con la “A” maiuscola.
Prende tempo: un attimo…mi chiamano sull’altra linea…soldi da dare agli agricoltori non ce ne sono, Sioux che facciano la danza della pioggia non ne conosco…e poi è meglio di no, che quando l’acqua arriva ne arriva sempre troppa (eh, non conoscere a fondo cosa vuol dire mutamento climatico N.d. A.)…insomma…chiama la moglie: “come si chiamano le fontane di Roma?”
“Nasoni, Gianluca, ma dai, come fai a non saperlo…”
Ma s’a vot ch’al sapia mi…pronto, eccomi, mi scusi…
“Chiuderemo i Nasoni…le fontane di Roma…sa, per via del Lago di Bracciano, delle sorgenti…metta giù due righe, tanto non possiamo far niente con la Merkel, figuriamoci con Giove Pluvio! Arrivederci, la saluto.” A l’è pront da magner?
Nell’Italietta post berlusconiana e post renziana, ci scusiamo coi lettori: non riusciamo ad inventare nulla, nessun complotto…c’è solo da ridere…
A parte, Ministro Nas…pardon, Galletti, che basterebbero dei semplici rubinetti col pulsante a tempo (magari dietro la colonnina, per non rovinare l’estetica)…ma lei si rende conto che è andato a scomodare una pulce quando in casa è entrato un elefante?
Se, invece, vuole saperne qualcosa di più mi limito a copiarle una soluzione (per carità: una delle molte: ci sono i dissalatori ad energia solare, il recupero delle acque reflue dei depuratori, l’irrigazione a goccia, ecc )…solo che è un po’ datata…la pubblicai il 4 Aprile del 2008…ma non si preoccupi, è attualissima! Tanto, non avete fatto niente!
Le ragioni dell’acqua (estratto)
Tre semplici chiuse
Il dimenticato “pianeta acqua” è dunque composito ed insostituibile: dalla tazza di tè alla centrale idroelettrica, dal pomodoro alla tintura dei tessuti. Cosa possiamo fare? Precisiamo che – a parte tanta aria fritta – non si sta facendo nulla. Allora, cosa si potrebbe fare? I grandi laghi prealpini hanno dei livelli minimi e massimi: secondo il Limno – la Banca dati dei laghi italiani – il Lago Maggiore ha addirittura un’escursione di circa 3,2 metri dal livello di massimo invaso al minimo, quello di Como di circa un metro e pressappoco 2 metri il Garda. Ci sono, poi, altri laghi minori.
In Primavera, i laghi raggiungono alti livelli con le piene primaverili e lo scioglimento delle nevi, ma tutta quell’acqua se ne va con il finire della Primavera, e in Estate – quando servirebbe – sono già ai livelli minimi. Basterebbero tre chiuse, tre sole chiuse che permettessero di mantenere i laghi agli alti livelli primaverili, per rilasciare poi lentamente l’acqua durante l’estate e utilizzarla per gli usi irrigui. Inoltre, mantenere su livelli costanti i laghi creerebbe meno problemi alla navigazione interna. Costo? Pochi milioni di euro (recuperati ampiamente, se ci fossero anche tre turbine idroelettriche a valle delle chiuse). Non miliardi come il Ponte sullo Stretto di Messina o per le banche venete.
Quanta acqua si riuscirebbe a trattenere in quel modo? Circa 1 miliardo e mezzo di metri cubi d’acqua. A quanto ammonta la portata del Po nella stagione di magra? Secondo il Consorzio Navigare sul Po, a circa 420 m3/s: con quell’acqua sarebbe possibile raddoppiare la portata del Po per un periodo pari a circa 41 giorni, ossia proprio nei momenti più acuti della siccità. Dalla gestione delle risorse idriche, quindi, dobbiamo passare a quella del sistema acqua: sembra un cavillo, ma è una distinzione profonda e di merito. La gestione del sistema acqua non consente solo d’avere più acqua quando serve, ma anche ad evitare le rovinose alluvioni dell’Autunno.
La gestione delle acque dolci
In Italia, non esiste il concetto di gestione delle acque dolci: nei paesi dell’Europa Centrale, le merci viaggiano per il 30% su fiumi e canali, da noi meno dell’1%. Il “pianeta acqua” incrocia anche il mondo del trasporto, e dove lo fa i risparmi sono evidenti: in Germania il passaggio delle merci dalla produzione alla distribuzione costa circa il 2% in meno che in Italia, proprio l’aggravio che comprende il trasporto.
L’UE, nel suo libro bianco La politica europea dei trasporti fino al 2010: il momento delle scelte ricordava che il bacino del Po è sotto-utilizzato per le sue potenzialità di trasporto, ed era disposta a finanziare fino al 50% della fase di progetto e fino al 10% delle opere per rendere navigabile il Po, dal Delta a Piacenza con diramazione verso Milano. I costi? Il Consorzio Navigare sul Po li stimò nel 2000 in circa 400 miliardi di vecchie lire: circa 200 milioni di euro che, con il contributo europeo, si sarebbero ridotti probabilmente a 100.
Inoltre, risistemando i fiumi, s’otterrebbero fondi attivi dalle cadute d’acqua (un tempo, le utilizzavano i mulini ad acqua): la Russia è il primo Paese al mondo per lo sfruttamento delle cadute d’acqua delle chiuse.
Qualcuno ne ha sentito parlare? Si è fatto qualcosa? Purtroppo, manca in Italia una visione politica che sia vicina alle necessità del Paese, che guardi alla soluzione dei problemi senza verificare, prima, se “tangenziale” fa rima con “tangente”. Sorella acqua è d’animo gentile e ci sta mandando innumerevoli segnali: la stiamo sottovalutando, ingiuriando, violentando. Non sia mai che passi ai fatti.
Non m’era mai capitato di ri-pubblicare un articolo e di trovarlo così attuale. Per chi volesse legger l’articolo integralmente, l’indirizzo è: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=18621
At salùt, Nason! Dighal a la festa dal m’lon: anche par far i m’lon ag vol d’laqua…

Carlo Bertani
Fonte: http://carlobertani.blogspot.it
Link: http://carlobertani.blogspot.it/2017/06/e-bravo-ministro-nasone.html
29.06.2017

Nessun commento:

Posta un commento