IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

martedì 13 giugno 2017

COMUNALI 2017

Comunali 2017, guida ai risultati

comunali 2017 risultati

Le percentuali delle coalizioni e delle liste nei comuni superiori a 15 mila abitanti 

Le elezioni comunali 2017 hanno coinvolto 160 comuni superiori ai 15 mila abitanti. In queste città i partiti hanno quasi sempre presentato le liste coi propri simboli, ed è possibile di conseguenza stimare i loro risultati su base aggregata. Il voto alle comunali è sempre peculiare, visto che spesso le elezioni amministrative vanno diversamente da quelle politiche, e inoltre per quanto riguarda la tornata 2017 va evidenziato come manchi ancora l’elemento più importante, ovvero l’elezione dei sindaci. Solo una minoranza di comuni ha già eletto il futuro primo cittadino senza lo svolgimento del ballottaggio.

GUIDA AI RISULTATI DELLE COMUNALI 2017

Grazie al lavoro di Youtrend Cise, centro studi elettorali dell’università Luiss di Roma, è possibile conoscere su base nazionale le percentuali e i voti assoluti raccolti dai diversi schieramenti politici. In 149 comuni superiori ai 15 mila abitanti il PD e i suoi alleati, liste civiche, di sinistra o di centro, hanno vinto in 22 comuni. Forza Italia e altre formazioni di centrodestra hanno conquistato 8 città al primo turno, 2 invece la Lega Nord, mentre in 11 comuni sono diventati sindaci esponenti di formazioni non affiliate a nessun partito di difficile collocazione politica nazionale. Sono stati assegnate quindi solo 43 delle 149 città sopra i 15 mila abitanti andate al voto.

RISULTATI DELLE COMUNALI 2017, LE PERCENTUALI DEI PARTITI

Nei comuni capoluogo di provincia, le realtà politicamente più rilevanti, sono solo 3 su 25 i sindaci già conosciuti dopo il primo turno dell’11 giugno 2017. A livello di percentuali di coalizione l’istituto Cise stima che il centrosinistra abbia raccolto il 31,2%, il centrodestra il 28,4%, il M5S il 10,2%, la sinistra, ovvero sindaci e coalizioni esterni ad alleanze con il PD, il 6,5%, il centro il 3,2%. Spicca il risultato della voce Altri, al 18%, dato che sottolinea quanto siano andate bene le formazioni esterne ai partiti nazionali. Le stime di Youtrend, che si basano su un numero inferiore di comuni con la Sicilia non considerata vista la diversa legge elettorale in vigore, sono leggermente diverse. Il centrosinistra è al 37,2%, il centrodestra al 34,4%, il M5S al 9,4%, la sinistra al 7%, il centro al 3,1%, le civiche al 6,7%. Youtrend ha fornito anche una stima delle percentuali ottenute su base nazionali dalle liste di partito nei 145 comuni superiori ai 15 mila abitanti. Il PD è la prima lista con il 15,6%, M5S è secondo con l’8,7% (sarebbe più vicino al 10 con la Sicilia, ndA), Forza Italia leggermente davanti alla Lega, 6,8 a 6,7%, Fdi al 2,5%. Le liste centriste sono al 4,5%, quelle di sinistra al 6,5%. Le altre di centrosinistra sono stimate al 21,9%, le altre di centrodestra al 18,2%.

Nessun commento:

Posta un commento