IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

martedì 13 giugno 2017

CODACONS VS MINISTRO DELLA SALUTE

La denuncia del Codacons sul 

dirigente del Ministero della 

Salute «nel CDA della Glaxo»

ranieri guerra

Ha fatto il consigliere sì ma c'è qualcosa da chiarire 

Codacons-vaccini atto secondo. L’associazione consumatori ha chiesto all’Autorità anticorruzione (Anac) se «sia lecito che il dirigente del ministero della Salute, Ranieri Guerra, firmi atti pubblici sui vaccini sedendo, come da curriculum, nel Cda della Fondazione Glaxo, che come noto produce il vaccino esavalente venduto in Italia».
Risulta che Guerra abbia firmato tutti gli provvedimenti sui vaccini anziché astenersi come dovuto in base all’art. 323 del Codice Penale. Nel 2014 era addirittura presente in prima fila a Washington assieme al Ministro Beatrice Lorenzin al momento della firma sull’accordo che avrebbe messo l’Italia alla guida delle campagne vaccinali nel mondo. Ciò mentre sedeva come consigliere di amministrazione nella Fondazione Glaxo, azienda leader nella produzione dei vaccini.

RANIERI GUERRA NEL CDA DELLA GLAXO: UN PO’ DI CHIAREZZA

Guerra, come chiaro sul suo curriculum sul sito del Ministero, è stato Consigliere d’amministrazione della Fondazione Glaxo-Smith Kline. Quello che però Codacons non nota è altro. E sta tutto sul sito della fondazione costituitasi in Italia nel 1979 e giuridicamente riconosciuta nel 1982 come Ente Morale non-profit.
Il sito internet Fsk.it lo spiega bene. La Fondazione Smith Kline si mantiene grazie al finanziamento liberale annuale non vincolante del socio fondatore GLAXOSMITHKLINE SpA, oltre che con i proventi delle proprie attività progettuali. Come spiega il debunker David Puente i componenti del CDA, come indicato qui, sono nominati da Ministero della Salute, Ministero dell’Università e Ricerca, Ministero dell’Economia, ISS, Conferenza Stato Regioni e da GlaxoSmithKline S.p.A e approvano annualmente il piano di attività di FSK.

Cinque Consiglieri sono proposti da istituzioni pubbliche:
Ministero della Salute – Dr. Emanuele Calvario, Segretario Particolare del Ministro
Ministero dell’Università e della Ricerca – nomina in via di formalizzazione
Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dr. Roberto Basso, Portavoce del Ministro
Istituto Superiore di Sanità – Dr. Angelo Lino Del Favero, Direttore Generale
Conferenza Stato Regioni – Prof ssa Flavia Franconi, Assessore alla Salute della Regione Basilicata
Quattro Consiglieri vengono designati dalla società fondatrice GlaxoSmithKline S.p.A.:
Prof. Angelo Riccaboni, Magnifico Rettore dell’Università di Siena
Prof. Gilberto Corbellini, Professore ordinario di Storia della Medicina e docente di Bioetica presso Università La Sapienza di Roma
Dr.ssa Anna Lisa Nicelli, Vice Presidente e Segretario Generale FSK
Dr. Giuseppe Recchia, Vice President Medical & Scientific GSK
Quindi è una prassi normale che il ministero della Salute nomini un membro della suddetta fondazione. Il punto ora è un altro: Guerra quando ha fatto parte del Cda? Se sì da chi è stato nominato e quando? Se lo chiede anche Puente:
La domanda, sarebbe interessante sapere in che periodo è stato membro del CDA. Nel 2015 non figurava, così come nel 2016 dove da parte del Ministero della Salute c’era il Capo di Gabinetto Guido Carpani per poi passare al Segretario Particolare del Ministro, Emanuele Calvario. Tale ruolo risultava citato anche nel curriculum di Guerra relativo all’anno 2014 (30 luglio) come riportato sul sito del Ministero della Salute (PDF, a pagina 6) e documento da dove la stessa Codacons ha ripreso l’immagine pubblicata nel suo comunicato. In un salvataggio del 18 settembre 2014 su Web Archive non risultava nel CDA della Fondazione, lo stesso in un salvataggio del 28 febbraio 2013, bisogna andare fino ad un salvataggio del 30 ottobre 2008 per trovare il suo nome.
Quindi Guerra non risulterebbe consigliere della Fondazione Glaxo nel 2014 bensì nel 2008 e come nomina da parte dell’Istituto Superiore della Sanità. Resta da capire quale sarà il parere Anac in merito al caso.
(in copertina foto ANSA/ANGELO CARCONI)

Nessun commento:

Posta un commento