IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

martedì 30 maggio 2017

L'ORIGINE DEI CORALLI DI VENEZIA

Svelata l’origine dei coralli di Venezia: le Tegnùe risalgono all’era glaciale

La 'barriera corallina' della Laguna si è sviluppata oltre 7 mila anni fa lungo gli antichi canali fluviali della pianura.
Coralli di Venezia
Desk330 maggio 2017
Anche Venezia ha la sua barriera corallina. Coralli conosciuti localmente come Tegnùe perché trattengono le reti dei pescatori. Uno studio ora ne ha rivelato finalmente le origini.

Coralli di VeneziaNella parte nord-occidentale del mare Adriatico, al largo di Chioggia, sorgono infatti conformazioni rocciose sommerse alla profondità di oltre 20 metri che ospitano ecosistemi acquatici unici e sono composte da organismi incrostanti che conferiscono a queste bio-costruzioni un aspetto simile alle barriere coralline che si elevano dal fondale limoso-sabbioso.

L'origine di questo habitat è al centro di uno studio coordinato dall'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr). "Queste formazioni coralligene sono disseminate nell'Adriatico nord-occidentale e costituiscono una 'anomalia geologica rocciosa' rispetto al fondale detritico di sabbie e limi sul quale poggiano", spiega Luigi Tosi, primo autore dell'articolo e ricercatore Ismar-Cnr. Sulla base della nuova cartografia i ricercatori Ismar-Cnr hanno eseguito oltre 200 immersioni, con osservazioni geomorfologiche e geologiche.

La ricerca, che ha coinvolto anche Università di Padova, Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale (Ogs), Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (Conicet) in Argentina, è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports.

Proseguita in laboratorio con le analisi isotopiche, paleo ambientali, ha rivelato che le tegnùe si sono sviluppate lungo le strutture morfologiche allungate e sinuose attribuite ad antichi canali fluviali, presenti nella pianura, durante l'ultimo periodo glaciale, circa 20.000 anni fa. Fondamentale è stato un campione roccioso. "Si tratta di un lastrone di sabbia cementata con inglobati gusci di molluschi che hanno consentito di determinare età e caratteristiche del paleoambiente al momento della sua cementazione - sottolinea Tosi -. Una sorta di 'Stele di Rosetta' che ha permesso di giungere a una nuova visione sull'origine di queste formazioni coralligene nel golfo di Venezia"

Nessun commento:

Posta un commento