IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

giovedì 18 maggio 2017

IL POTERE DELLA CHIESA BLOCCA IL KIRPAN

Cassazione vieta il kirpan dei sikh: il valore dell’eguaglianza

Non tagliarti i capelli. Fermali con un pettine. Indossa certi pantaloni e un braccialetto di ferro. E porta con te un pugnale.
di UAAR - A ragion veduta (sito) 
giovedì 18 maggio 2017 AGORAVOX
Se sei un sikh, sono le cinque kappa (kesh, kangha, kachera, kara, kirpan) che devi praticare, i cinque precetti che il decimo guru della tua religione impose nel 1699 ai guerrieri del suo esercito, il Khalsa. Che per cinquant’anni governò un vero e proprio impero.
I devoti sikh cercano di adeguarsi anche all’estero. Così facendo, vanno però incontro agli inevitabili problemi di chi gira armato: la nostra Cassazionecon una sentenza resa nota l’altro ieri, ha condannato un loro seguace indiano. I sikh si difendono sostenendo che il kirpan, nonostante la sue origini belliche, sia inoffensivo.
Ma lo è quanto un pugnale con cui è stata intagliata una scritta d’amore. Qualunque arma è inoffensiva, finché non la si usa. E poiché ogni occasione può essere buona per usarla, ogni legislazione ne limita (tanto o poco non importa) la possibilità di averla, portarla, adoperarla.
Complice qualche passaggio molto discutibile, la sentenza è stata presentata come un invito agli immigrati a “conformarsi” ai nostri valori. Qualcuno ha sottinteso “cristiani”, qualcun altro “occidentali”, qualcun altro entrambi. A ben vedere, il valore a cui fa riferimento la sentenza è un valore illuminista: quello dell’eguaglianza.
Quello che è scritto nero su bianco nella Costituzione all’articolo 3 (“tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge, senza distinzione”); quello che è ricordato in qualunque tribunale della Repubblica: “La legge è uguale per tutti”. E va rispettata. Da tutti. Nessun cittadino può girare impunemente con un arma e non c’è alcun motivo per fare eccezioni in nome della religione, qualunque religione. La sentenza ha fatto notizia soltanto perché l’eguaglianza, da noi, è ben poco praticata. È utile cercare di rimediare.
A cominciare dalla Cassazione stessa.
Raffaele Carcano

Nessun commento:

Posta un commento