IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

mercoledì 31 maggio 2017

AFRAGOLA, TAV E CAMORRA

Afragola, ombre di camorra sui lavori della TAV

Stazioni bellissime, treni insufficienti. Se dovessimo riassumere la politica dei trasporti regionali in Campania degli ultimi vent'anni, basterebbero queste poche parole a raffigurare la condizione in cui si riconoscono migliaia di utenti che utilizzano quotidianamente (loro malgrado) i mezzi pubblici, tra carri bestiame e ritardi cronici. 
di Ettore Scamarcia (sito) 
mercoledì 31 maggio 2017 AGORAVOX
Invece di affrontare la ristrutturazione delle vecchie linee ferroviarie (salvo sotto elezioni), si preferisce aprire il fondo cassa per finanziare i soliti progetti ciclopici. I cantieri della Linea 1 della metropolitana di Napoli sono diventati un tratto caratteristico della città, tanto da attirare le attenzioni della Corte dei Conti per il lievitare dei costi: dai 350 milioni di euro iniziali preventivati per la tratta Dante - Capodichino, in pochi anni si è arrivati a ben 1,7 miliardi di euro. Un incremento complessivo del 21% rispetto alle stime iniziali, più di Roma e di Milano, i cui costi sono già notoriamente alti.
Fiore all'occhiello di questa intraprendenza politica è la stazione TAV di Afragola, in provincia di Napoli. Battezzata come "una delle opere architettoniche più belle al mondo" (almeno così afferma la CNN) in mezzo ai campi della fu Campania felix, i lavori iniziarono nel 2003 su progetto dell'archistar Zaha Hadid e dovevano terminare nel 2008, ma la consegna slittò per diversi anni finché nel 2012 non fu bloccata per mancanza di fondi. Ripartito l'iter nel 2015, il termine finale è stato fissato alla metà di giugno, con somma gioia di quelle figure politiche che si sono spese tanto per quest'opera. Frattanto i costi sono lievitati: si parla di 140 milioni di euro per la parte ferroviaria e 70 milioniper le opere compensative. Soltanto alcuni dei quattro livelli previsti saranno pronti e bisognerà attendere il 2022 per saggiarne la piena funzionalità, atteso che al momento la "Porta del Sud" (come viene chiamata da alcuni) è priva di collegamenti ferroviari (oltre a quello per Salerno) e disporrà di appena quattro treni ad alta velocità nei primi 5 anni di esercizio. E poco male se Michele Oricchio, procuratore generale della Corte dei Conti, ha espresso forti perplessità sull'utilità dell'opera e sull'investimento definito "eccessivo". L'emozione è tanta; il sindaco di Afragola Domenico Tuccillo ha espresso grande soddisfazione per il risultato raggiunto. In questo marasma di emozioni contrastanti, a giocare la partita più pericolosa è sempre lei, la camorra, protagonista di un fatto di sangue che ha scosso la città di Afragola a pochi giorni dall'inaugurazione. E non per caso.
Salvatore Caputo

Salvatore Caputo, 73 anni, ex consigliere comunale ed ex assessore ai lavori pubblici negli anni '80, era un nome pesante in città. I killer lo hanno assassinato giovedì scorso con una mossa degna della serie tv Gomorra: nascosti all'interno di un furgone, hanno prima tagliato la strada all'auto di Caputo, e poi sono sbucati dal retro scaricandogli addosso una sventagliata di proiettili. La Dda di Napoli parla di "omicidio eccellente", "prova che si tratta di mafia più che di camorra". Secondo alcuni collaboratori di giustizia, Salvatore Caputo sarebbe stato referente del clan Moccia e forse ne avrebbe assunto la reggenza dopo i recenti arresti avvenuti ad Afragola, che hanno visto il boss Luigi Moccia tornare in carcere. Proprio gli interessi del clan sui cantieri della TAV potrebbero essere il movente di quest'ultimo omicidio.
Dell'influenza dei Moccia sui cantieri dell'alta velocità si vocifera da anni, ma è solo negli ultimi tempi che si sta delineando un quadro a tinte fosche. Il Fatto Quotidiano, con un pezzo a firma di Arnaldo Capezzutoparla apertamente della stazione come di un "bluff al servizio del clan Moccia", tanto che le ditte impegnate nei lavori avrebbero parcheggiato i propri mezzi nei terreni di proprietà dei Moccia. Le Ferrovie dello Stato si sono affrettate a smentire, ma un'interrogazione parlamentare a firma di Luigi Di Maio riporta i nomi delle imprese rintracciate dalla polizia in quei terreni: COGEDI, BOEMIO, SEPE autotrasporti, SAMAR, VARRACCHIO, ARIZONA E CASTALDO. Alcune di queste sono effettivamente impegnate nella costruzione della Porta del Sud.
Questa rinnovata attenzione mediatica sugli interessi del clan Moccia sembra aver dato una svolta alle indagini della Procura di Napoli. Il mese scorso viene arrestato il boss Luigi Moccia, insieme al sequestro di beni per un valore di 10 milioni di euro. Il clan - a detta degli inquirenti - è ormai smembrato, proprio l'anno scorso un'altra inchiesta aveva decapitato la filiale romana della cosca. Ma i rapporti coi colletti bianchi non cadono mai. E Salvatore Caputo potrebbe aver concentrato tali relazioni su di sé per appropriarsi delle opere compensative, tra cui un centro commerciale, e delle ulteriori infrastrutture che dovranno essere costruite per rendere pienamente operativa la stazione TAV di Afragola. Il Patto per la Campania sottoscritto da Renzi e De Luca ha infatti destinatoaltri fondi per collegare l'alta velocità alla metropolitana di Napoli pari a 310 milioni di euro. Questa intesa è stata raggiunta grazie ad un'inedita convergenza di tutte le forze politiche (compreso il M5S), che a novembre 2015 sottoscrissero un ordine del giorno a firma del vicepresidente del Consiglio regionale Tommaso Casillo per impegnare la giunta a prolungare il tracciato della Linea 1 di Napoli con la stazione di Afragola. L'ennesimo drenaggio di risorse pubbliche giustificato con la necessità di non trasformare quella stazione in una cattedrale nel deserto. Il che è vero, ma evitabile con una scelta meno infelice nella sua collocazione e rapportata alle reali esigenze del territorio.

Così, che si tratti di errore o malafede, parliamo di altri soldi pubblici che verranno regalati alle solite grandi aziende delle infrastrutture (Ansaldo Sts, Astaldi, Salini Impregilo ecc.) e dispersi nei rivoli insidiosi (e spesso criminali) dei subappalti, con buona pace dei tanti utenti che aspettano da decenni il riammodernamento delle vecchie linee ferroviarie.

Nessun commento:

Posta un commento