IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 2 ottobre 2016

VI ANNO DI MEMORIA VITTIME PEDOFILIA CATTOLICA

VI° Anniversario della Giornata della Memoria delle Vittime dei reati di pedofilia commessi da religiosi

VI° Anniversario della Giornata della Memoria delle Vittime dei reati di pedofilia commessi da religiosi

Da anni seguiamo la vicenda degli ex alunni dell’Istituto Provolo di Verona, una ferita aperta che a distanza di decenni dalle molestie subite, di 9 anni dal tentativo di dialogo con la curia e di 7 anni dalle pubbliche denunce dei fatti ancora non trova risposte. Solo la tenacia delle vittime, per troppo tempo inascoltate e addirittura offese, ha consentito all’opinione pubblica di conoscere una vicenda che la Chiesa e la quasi totalità degli esponenti del mondo politico avrebbero voluto tenere nascosta e sottrarre alla memoria. Per questo, anche quest’anno, in occasione della “Giornata della Memoria delle Vittime dei reati di pedofilia commessi da religiosi”, ringraziamo l’Associazione Sordi “Antonio Provolo” – Onlus per la grande battaglia di conoscenza e verità che da anni combatte. Siamo stati, siamo e saremo al vostro fianco.
Di seguito, il comunicato dell’associazione.

COMUNICATO DELLE VITTIME DI ABUSI DA PARTE DEI RELIGIOSI DELL’ISTITUTO ANTONIO PROVOLO DI VERONA
OGGI, SI CELEBRA IL SESTO ANNIVERSARIO DELLA GIORNATA DELLA MEMORIA, PER TENERE VIVO IL RICORDO DEGLI ABUSI CLERICALI PERPETRATI SU BAMBINI SORDOMUTI E DELLA PEDOFILIA CLERICALE IN GENERALE.
QUANTO E’ ACCADUTO ALL’ISTITUTO ANTONIO PROVOLO DI VERONA E’ ORMAI FATTO BEN NOTO A TUTTI MA VOGLIAMO AGGIORNARVI SUGLI ULTIMI ACCADIMENTI.
IL VESCOVO DI VERONA, MONSIGNOR GIUSEPPE ZENTI, DA NOI DENUNCIATO PER DIFFAMAZIONE, HA PUBBLICAMENTE FATTO LE PROPRIE SCUSE ALL’ASSOCIAZIONE SORDI PROVOLO E AL PRESIDENTE, GIORGIO DALLA BERNARDINA, NEL 2010.
A DICEMBRE 2010, DIETRO RICHIESTA DEL VATICANO, LA CURIA DI VERONA E’ STATA COSTRETTA A CHIEDERE DI POTER AUDIRE LE VITTIME DEGLI ABUSI.
E’ STATO CONCORDATO CHE CIO’ AVVENISSE NELLA SEDE DEL TRIBUNALE ECCLESIASTICO DI VERONA MA ABBIAMO PRETESO CHE NON CI FOSSE LA PRESENZA DI ALCUN SACERDOTE E CHE LE DOMANDE ALLE VITTIME FOSSERO POSTE DAL DOTT. MARIO SANNITE, EX PRESIDENTE DEL TRIBUNALE PENALE DI VERONA, CON LA PRESENZA DEL CANCELLIERE DEL TRIBUNALE, DI NOSTRI MEDIATORI ALLA COMUNICAZIONE, DEL NOSTRO AVVOCATO E CON REGISTRAZIONE VIDEO: TALI NOSTRE RICHIESTE SONO STATE TOTALMENTE ESAUDITE.
A FINE FEBBRAIO 2011 SONO FINITE LE AUDIZIONI, ALLE QUALI HANNO VOLUTO PARTECIPARE CINQUE PERSONE CHE IN PRECEDENZA NON AVEVANO DICHIARATO NULLA, E HANNO RACCONTATO PER LA PRIMA VOLTA GLI ABUSI SESSUALI E LE VIOLENZE FISICHE SUBITI.
DURANTE L’AUDIZIONE DI BISOLI GIANNI IL QUALE HA DENUNCIATO ABUSI SESSUALI DA PARTE DEL VESCOVO GIUSEPPE CARRARO, E’ STATO CHIESTO ALLO STESSO SE FOSSE STATO DISPOSTO A FARE UN SOPRALLUOGO NELL’APPARTAMENTO VESCOVILE. NONOSTANTE BISOLI ABBIA DATO LA PROPRIA DISPONIBILITA’, DETTO SOPRALLUOGO NON E’ STATO FATTO.
IL 24 MAGGIO 2011 ALLA TRASMISSIONE DI CANALE 5 “MATRIX” IL DOTT. SANNITE, INTERPELLATO DAL GIORNALISTA, HA DICHIARATO CHE “ALMENO TRE TRA SACERDOTI E LAICI HANNO AMMESSO GLI ABUSI”.
A TUTT’OGGI, NONOSTANTE NOSTRE REITERATE RICHIESTE RIVOLTE A DON MAZZONI, PRESIDENTE DEL TRIBUNALE ECCLESIASTICO DI VERONA, NON CI SONO STATE DATE, COME ERA STATO CONCORDATO, NE’ LE REGISTRAZIONI VIDEO NE’ I VERBALI DELLE AUDIZIONI SOTTOSCRITTI DAGLI ABUSATI, TRINCERANDOSI DIETRO LA MOTIVAZIONE CHE ATTENDEVANO UNA DECISIONE DEL VATICANO, IL QUALE, A DETTA DI DON MAZZONI, AVREBBE RICHIESTO ULTERIORI AUDIZIONI DEI PRETI COINVOLTI, AUDIZIONI CHE SAREBBERO TERMINATE IL 31 LUGLIO 2011.
IL 18 LUGLIO 2011 E’ STATA INVIATA UNA LETTERA AL PAPA, AL CARDINALE BERTONE, AL CARDINALE BAGNASCO E AL VESCOVO DI VERONA CON LA QUALE SI CHIEDEVA DI SCONSACRARE LE TRE CHIESE DELL’ISTITUTO PROVOLO DOVE SONO STATI PERPETRATI GLI ABUSI (MASTURBAZIONI, SODOMIZZAZIONI, RAPPORTI ORALI, …) A DANNO DEI PICCOLI SORDOMUTI.
IL VATICANO, DOPO IL LAVORO DELLA COMMISSIONE DI INDAGINE, HA AMMESSO GLI ABUSI.
IL VATICANO ASSERISCE LA NON COMPLETA ATTENDIBILITÀ DI BISOLI GIANNI BASANDOSI SULLA DATA DI UNA PAGELLA CHE AVREBBE ATTESTATO LE DIMISSIONI DALL’ISTITUTO PER SORDOMUTI PROVOLO NEL 1963. BISOLI HA TROVATO TRA LE SUE CARTE L’ORIGINALE DELLA PAGELLA CHE È DATATA UN ANNO DOPO (SULLA COPIA PRESENTATA AL DOTT. SANNITE LA DATA APPARE CONTRAFFATTA) QUINDI IL TEMPO DI PERMANENZA DI BISOLI ALL’ISTITUTO È ASSOLUTAMENTE COMPATIBILE CON QUANTO DENUNCIATO.
UN’ALTRA VITTIMA DI ABUSI ACCUSA L’EX VESCOVO GIUSEPPE CARRARO, MENTRE UN TERZO ABUSATO, CHE AVEVA CONFESSATO AD UN AMICO DI ESSERE STATO SODOMIZZATO DAL VESCOVO STESSO,SI E’ TOLTO LA VITA, IMPICCANDOSI NEL GENNAIO DEL 1991.
LE PENE COMMINATE DAL VATICANO AI PRETI RITENUTI RESPONSABILI, SONO STATE ESTREMAMENTE LIEVI, TENUTO CONTO CHE HANNO ROVINATO LA VITA A BAMBINI CHE POI HANNO AVUTO ENORMI PROBLEMI DA ADULTI.
LA CEI, SOLLECITATA PIU’ VOLTE, NON HA ANCORA PARLATO DEL FATTO DI PROMUOVERE UNA COMMISSIONE D’INDAGINE INDIPENDENTE AL FINE DI APPURARE L’ENTITA’ DELLE VIOLENZE SESSUALI COMMESSE IN STRUTTURE E/O DA MEMBRI DEL CLERO ANCHE IN PASSATO.
LA STESSA RICHIESTA E’ STATA RIVOLTA AL PAPA CON LETTERA 31 DICEMBRE 2013.
L’ONU, NEL FEBBRAIO 2014, HA FATTO UNA DURISSIMA REPRIMENDA NEI CONFRONTI DEL VATICANO, ACCUSANDOLO DI AVER FATTO POCO O NULLA PER PREVENIRE O FAR CESSARE GLI EPISODI DI PEDOFILIA CLERICALE, PARAGONANDO DETTI ABUSI AL DELITTO DI TORTURA.
IN OTTOBRE 2015 ABBIAMO AVUTO , IN VATICANO, UN COLLOQUIO DI CIRCA 10 MINUTI CON PAPA FRANCESCO, DURANTE IL QUALE, TRA LE ALTRE COSE, GLI ABBIAMO PROPOSTO DI ISTITUIRE UNA COMMISSIONE DI INCHIESTA INDIPENDENTE E L’APERTURA DEGLI ARCHIVI INERENTEMENTE AI CASI DI PEDOFILIA. CI E’ STATO RISPOSTO CON LETTERA A FIRMA MONS. BECCIU, DOVE VENIVAMO INFORMATI CHE SAREBBE STATA INTERESSATA LA CEI.
STIAMO ASPETTANDO RISPOSTA.
AD OGGI I PRETI RESPONSABILI DEGLI ABUSI VIVONO TRANQUILLAMENTE ANCORA NELL’ISTITUTO ANTONIO PROVOLO DI VERONA E IN ARGENTINA.
COME ABBIAMO SEMPRE DETTO, CONTINUEREMO A CHIEDERE GIUSTIZIA AFFINCHE’ CHI HA COMMESSO DETTI CRIMINI, CHE HANNO ROVINATO LA VITA DI TANTE PERSONE SORDE, VENGANO INCHIODATI ALLE PROPRIE RESPONSABILITA’.
SIRMIONE (BS), 01 OTTOBRE 2016
info@associazionesordiprovolo.it
RELIGIOSI E LAICI ANCORA IN VITA:
– OTTO PRETI
– DUE LAICI
– UN EX PRETE
– UN EX LAICO

Nessun commento:

Posta un commento