IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 9 ottobre 2016

TUTTI ASSOLTI DALLE INCHIESTE MASS MEDIATICHE 2011

Tutti assolti (o quasi) dalle inchieste mediatiche del 2011: i giudici fecero politica per cambiare il governo? Fu un golpe?

DI MITT DOLCINO
scenarieconomici.it
Oggi scopriamo che nelle indagini mediaticamente esposte del 2011 tutti o quasi sono stati incredibilmente assolti. Come in Tangentopoli, sembra la prova che la magistratura italiana (una certa magistratura dominante) ha fatto politica – un eventuale reato costituzionale -, ovvero i giudici sono stati uno strumento per cambiare il colore politico del governo, per destabilizzare il paese. Praticamente tutte le opposizioni, quelle interne e/o gli avversari politici del grande disegno di cambiamento del 2011 sono stati prima messi alla berlina, quindi eliminati dalla scena ed oggi incredibilmente riabilitati perché il fatto non costituisce reato! Non vi dico i danni causati nel mentre…
image
Più o meno come in Tangentopoli – memento le parole di Justice A. Scalia sulla dubbia democraticità dei comportamenti dei PM milanesi, ndr –  dove però si andò ad incidere su un indubbio malaffare più antropologico che criminale, dopo 50 anni di vacche grasse e sostanziale impunità la classe politica aveva acquisito atteggiamenti nella gestione della cosa pubblica decisamente insostenibili (sebbene anche in tale caso il paese andasse molto bene in comparazione degli altri paesi europei, non a caso anche in tale momento storico una presidenza dem USA forte post JFK vide annichilire il nostro benessere assieme alla svendita del nostro patrimonio industriale, quella precedente aveva visto l’eliminazione di Aldo Moro).
image
Quanto accaduto è gravissimo, alcuni asseriscono fu un vero golpe. Notasi che i fatti del 2011 sono molto più gravi e lampanti rispetto al 1993/95 (sebbene ai tempi venne svenduta la spina dorsale dell’industria privata italiana), oggi non una ma quasi tutte le procure italiane rilevanti hanno agito all’unisono, Milano, Roma, Torino, Venezia, Taranto… [molte di queste, diciamo quelle più “ballerine“, hanno visto un avvicendamento al vertice a valle/cavallo degli eventi citati, ndr]. Ed il finale è da ridere, tutti assolti o quasi – anche in mafia capitale – perché il fatto, ripeto, non costituisce reato, memento la farsa degli scontrini di Marino e Cota.
Nella valutazione di cosa è accaduto tralascio l’etica, morta. Lascio perdere anche il bene dello stato, parole vuote che nessuno capirebbe.
Mi fermo ai danni materiali: oggi l’accaduto ha definitivamente ammazzato il benessere del paese abbattendo un governo democraticamente detto per volere ed interessi stranieri. Grazie a tale blitz “molto mediatico” si è fermata la crescita italiana! Infatti nel 2010/11 l’Italia era messa molto meglio degli altri paesi EU, di fatto non avevamo subito nessuna ripercussione dalla crisi subprime ed avevamo un amico ricco (Gheddafi) che ci salvava sempre quando c’era l’emergenza. Forse per questo andavamo abbattuti.
Oggi siamo in parabola discendente assoluta, non ci siano mai ripresi dal 2011 e quello che doveva essere un impulso momentaneo per cambiare l’indirizzo politico (ripeto, cambiamento voluto dall’estero e più precisamente dall’amministrazione Obama per conto dei paesi europei vistisi sorpassati dal Belpaese nel post subprime) non si è fermato ed anzi si è trasformato in uno strumento di continuità per uccidere il benessere di Roma ovvero del principale alleato USA non anglosassone in Europa.
image
Infatti la vera condanna italiana post 2011 è quella dell’emigrazione, italiani giovani e preparati, imprenditori che se ne vanno e non ritorneranno più nell’inferno fiscale italiano, col cavolo che vorranno farsi statassare per tenere su una baracca ormai in crollo. Forse per questo sono arrivati i migranti, per sostituire gli italiani che se ne vanno e dunque per indebolire a termine l’Italia, rendendola accessibile in tutto e per tutto… Insomma il piano per una colonia, tempo 10 anni.
Dopo quanto successo nessuno crede più nell’indipendenza della magistratura, alcuni la considerano addirittura in contrapposizione con gli interessi del paese. Chiaramente, esistesse un diritto i colpevoli andrebbero processati per alto tradimento: sembra incredibile che dopo tale immenso danno al Paese da parte dei giudici italiani – asserviti ad un progetto straniero – nessuno chieda oggi la sacrosanta separazione delle carriere in magistratura o quanto meno di far loro pagare in sede civile per i danni causati per dolo o colpa grave nell’esercizio delle loro funzioni. Si, perché un golpe sarebbe doloso…
image
Spero abbiate capito cosa è successo. Oggi l’emergenza giudiziaria italiana è rientrata solo perché Brexit e fine del mandato obamiano hanno costretto a cambiare registro i burattinai che permisero gli eventi dall’esterno: finalmente si sono accorti che tale sciagurata decisione del 2011 sta oggi andando contro i loro stessi interessi e dunque a vantaggio dell’asse franco-tedesco che vuole sostituirsi agli anglosassoni in Europa (la storia ci dirà come il vero colpevole sia stato Cameron – non a caso ostracizzato dalla politica UK per leso interesse sovrano -, si sa che dopo la seconda guerra mondiale, da Portella della Ginestra in avanti, l’ultima parola sulle operazioni geostrategiche italiane passa da Londra e da una certa nobiltà romana, la stessa che il giudice Priore sospettò implicata nell’affaire Moro).
Comprendo i burattinai stranieri che non essendo italiani hanno fatto (più o meno, chi la fa l’aspetti…) i loro interessi. Non vanno invece perdonati – nel caso – i traditori nazionali, i veri colpevoli, parlo dei nostri connazionali asserviti al progetto. Che andrebbero processati per tale enorme misfatto. Ossia per alto tradimento.
Vedremo.
Jetlag per Mitt Dolcino
Fonte: http://scenarieconomici.it
Link: http://scenarieconomici.it/golpe2012ab/
9.10.2016

Nessun commento:

Posta un commento