IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 8 ottobre 2016

L'OBESITA' FA MALE A TE E AGLI ALTRI

L’obesità fa male anche all’ambiente: causa spreco di cibo per 2 miliardi di chili solo in Italia

Uno studio italiano mostra anche la connessione con il consumo di energia, acqua e terra
AP

LA STAMPA 08/10/2016
L’obesità non nuoce solo alla salute, ma fa male anche all’ambiente perchè porta allo «spreco alimentare»: ricercatori italiani dimostrano infatti che ammonta a oltre due miliardi di chili il cibo sprecato, cioè l’eccesso consumato dagli italiani sovrappeso e obesi (rispettivamente 20.910.564 e 5.991.916 milioni di persone - 34,2% e 9,8% della popolazione), con un costo elevato per l’ambiente perché al cibo in eccesso corrispondono emissioni di CO2, spreco di acqua e terreno. 

La ricerca è pubblicata sulla rivista Frontiers in Nutritional Immunology e coordinata da Mauro Serafini del Consiglio per la ricerca in Agricoltura e Analisi dell’economia agraria. Gli esperti hanno sviluppato un indice, lo spreco alimentare metabolico, e lo hanno usato per calcolare i chili di cibo in eccesso consumati e corrispondenti al grasso in eccesso di una persona con problemi di sovrappeso o obesità, e l’impatto di questo spreco sull’ambiente. 

I ricercatori hanno valutato la dieta di 60 individui sovrappeso o obesi, in particolare il consumo di cibi obesigeni (quali zuccheri, grassi di origine animale, alcolici, bibite etc), calcolato i loro chili di troppo e il loro apporto calorico. «Così - spiega Serafini - abbiamo espresso la quantità di cibo responsabile del loro sovrappeso: 63,1 kg di cibo di troppo per ogni individuo sovrappeso e 127,2 kg per ogni obeso (5710 kg per l’intero campione)». 

Questo approccio è stato utilizzato per calcolare lo spreco di cibo complessivo per l’Italia extra large (sovrappeso e obesi) che è risultato essere di 2.081 milioni di chili. A questo spreco alimentare corrisponde un consumo di acqua (impronta idrica) pari al 13% del volume del Lago di Garda, una quantità di emissioni di CO2 (impronta di carbonio) pari all’11,8% delle emissioni causate dalla produzione agricola in Italia e un consumo di terreno (impronta ecologica) pari al 73% della superficie di Asia ed Africa. 

Nessun commento:

Posta un commento