IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 2 ottobre 2016

LE SCRITTE SHOCK SUGLI ALCOOLICI

Dopo le sigarette, gli alcolici: sulle bottiglie le scritte choc

Dublino lancia la campagna: stampare avvisi sui rischi per la salute. L’Unione europea apre alla proposta: inizieremo a parlarne nel 2017
Un gruppo di turisti nel cortile della «Old Jameson Distillery», una delle più antiche di Dublino

LA STAMPA 02/10/2016
BRUXELLES
Dopo i pacchetti di sigarette, le immagini choc potrebbero comparire anche sulle bottiglie dei superalcolici. L’Irlanda ha lanciato la stretta sui distillati, con norme che prevedono l’obbligo di stampare sull’etichetta avvisi sui rischi per la salute. La Commissione europea sembra aver accettato la sfida. Il team Juncker prende dal testo irlandese lo spunto per le politiche comunitarie che verranno, anticipando che «altri mezzi saranno necessari» contro chi alza troppo il gomito. Scritte come «nuoce gravemente alla salute» o «bere uccide» a breve potranno dunque leggersi sulle targhette di rum, gin, vodka e affini. Da qui alle foto traumatizzanti il passo potrebbe essere breve, sulla scia di quanto accaduto per i prodotti di tabacco, sempre su impulso irlandese. 

Il governo di Dublino ha adottato a dicembre 2015 la proposta di legge sulla salute pubblica, notificata in Commissione a gennaio. Per le sostanze alcoliche inebrianti il provvedimento introduce divieti promozionali (no a pubblicità sui mezzi pubblici e loro fermate in prossimità di scuole), divieti di sponsorizzazione (per eventi per minori e adolescenti), prezzo minimo imposto (10 centesimi per ogni grammo di alcol in bottiglia), possibilità di divieti di vendita sottocosto «durante un periodo limitato» (happy hour). E soprattutto introduce l’obbligo di «avvertenze sulla salute». Il provvedimento è ancora in discussione a Dublino, ma ha già ricevuto il benestare di Bruxelles. 

«È un buon esempio», secondo il commissario per la Salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, convinto che «migliorare l’etichettatura può aiutare a essere consapevoli dei rischi» per l’organismo. Annuncia per «inizio 2017» una proposta Ue per l’indicazione di ingredienti e calorie sulle bottiglie di superalcolici, e apre a ulteriori misure. Perché, spiega, «chi tende a ubriacarsi non cambierà abitudini per l’indicazione di calorie in etichetta». Per loro «serviranno altri mezzi». Proprio come per le sigarette, dove agli avvisi sempre più espliciti («fumare uccide») si sono aggiunte immagini di forte impatto visivo ed emotivo. 

Si ripeterà per gli spiriti la storia del tabacco? I presupposti perché ciò avvenga ci sono. La stretta sulle sigarette è partita dall’Irlanda, proprio come quella attuale sui distillati. Nel 2008 l’allora deputato James Reilly intraprese una battaglia politica contro il fumo, soprattutto tra i giovani. Nel 2013, in veste di ministro della Salute, riuscì - grazie alla presidenza irlandese del Consiglio Ue - a far approvare le nuove norme che hanno introdotto le immagini choc sui pacchetti. Quali possono essere gli «altri mezzi» di dissuasione ipotizzati da Andriukaitis se non le raffigurazioni a effetto? 

I principali produttori di vino e birra dell’Ue hanno manifestato preoccupazioni, temendo ripercussioni per il mercato. Il progetto di legge irlandese prevede tuttavia modifiche alle leggi nazionali del 2003 e del 2008 note come «liquor acts», laddove «liquor» designa gli alcolici distillati. Di conseguenza vino, birra e sidro non sembrano essere toccati, per quanto il regolamento 1308 del 2013 sull’organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli non precluda l’imposizione di un prezzo minimo unitario per la vendita al dettaglio di vini.  

L’iter legislativo è però in corso, ed emendamenti alla proposta sono sempre possibili. Si cercano rassicurazioni per evitare eventuali misure stringenti di Bruxelles, che guarda interessata alla vicenda. Certo è che se il parlamento di Dublino approva la legge, in Irlanda è a rischio l’happy hour. 

Nessun commento:

Posta un commento