IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 18 ottobre 2016

LA CRESCITA DELL'E-COMMERCE

L’e-commerce cresce del 18% nel 2016 e vale quasi 20 miliardi 

Il turismo (+10%) si conferma il primo comparto in Italia; tra i settori emergenti si distinguono Arredamento e home living (+48%)

LA STAMPA 18/10/2016
L’e-commerce in Italia nel 2016 cresce del 18% e sfiora i 20 miliardi di euro nel 2016. A rilevarlo è l’Osservatorio eCommerce B2c promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm presentato al convegno intitolato «eCommerce B2c in Italia: esame di maturità per l’offerta». Il mercato e-commerce in Italia raggiunge una penetrazione del 5% sul totale acquisti retail, e a volare sono soprattutto gli acquisti via smartphone che toccano quota 3,3 miliardi di euro grazie a una crescita del 63%.  

Il turismo (+10%) si conferma il primo comparto dell’e-commerce italiano, ma a crescere a tasso più sostenuto sono Informatica ed elettronica di consumo (+ 28%), Abbigliamento (+ 27%). Tra i settori emergenti raggiunge si distinguono Arredamento e home living (+48%) e Food & Grocery (+30%). 

«Il 2016 è stato l’anno più importante per l’eCommerce, durante il quale si sono affermati nuovi modelli di business guidati dal concetto del cross. Cross border, cross canalità e cross device: sono questi i nuovi termini del commercio elettronico, che raccontano l’evoluzione a partire dai nuovi modi di comportamento degli shopper» afferma Roberto Liscia, Presidente Netcomm.  

«Gli acquirenti comprano da siti italiani e stranieri, confrontano i prodotti sia nel canale fisico che in quello digitale e lo fanno attraverso smartphone e PC. Il digital export rimane comunque un’opportunità che l’Italia non riesce a cogliere a causa della piccola dimensione delle proprie imprese, che non riescono ad aggredire i mercati esteri. L’impegno di Netcomm è quello di incentivare la creazione di distretti digitali e consorzi di imprese attraverso strumenti finanziari, fiscali e promuovendo la nascita di iniziative finalizzate ad aggregare l’offerta attraverso attività legislative a supporto dell’e-commerce italiano.» 

Nessun commento:

Posta un commento