IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 19 ottobre 2016

FORSE EMMA BONINO HA SUPERATO IL TUMORE

Emma Bonino: “Tumore? Credo che se ne sia andato”

ROMA – Emma Bonino ha sconfitto il tumore. “Credo di esserne quasi fuori. Ho ancora delle verifiche, ma credo che questo antipaticissimo signore, denominato tumore, anche molto maleducato perché io non è che lo avessi invitato ad abitare con me si è presentato, se ho capito bene, se ne sia andato”. Lo afferma la senatrice nella puntata di ‘Nemo – Nessuno Escluso’, in onda alle 21.20 su Rai2. Dell’intervista all’ex ministro degli Esteri, condotta da Enrico Lucci, è stato anticipato uno stralcio e sarà trasmessa nella versione integrale. Bonino si dice tuttavia consapevole che “questo è un tipo di malattia, dicono i miei medici, da cui non si guarisce, ci si impara a convivere”.
Tempo fa, quando ancora lottava contro la malattia, Emma Bonino aveva detto quale era il segreto per reggere, psicologicamente, una diagnosi del genere: non identificarsi mai con il tumore, continuare a fare sogni e progetti, e soprattutto “continuare a guardare in avanti”. Il tumore, ha detto Bonino, “è una sfida che stiamo affrontando e che sicuramente non volevamo. Mi ha aiutato molto non identificarmi con il cancro: non sono il mio tumore. E’ un impedimento che mi trovo ad affrontare, ma sono rimasta una persona con sogni ma anche con progetti”.

La leader politica ha poi ricordato: “Mia madre diceva sempre che è importante avere sogni che si realizzano, ma più importante è averli. Quindi ora sto pensando alla mia estate, alle persone con cui voglio passarla e ai progetti futuri, compreso di cosa mi vorrò occupare. Mi ha aiutato moltissimo anche avere fiducia nella mia équipe medica: non sono mai andata su internet a cercare informazioni sulla mia malattia ma il mio oncologo, il mio radioterapista e la mia nutrizionista mi hanno aiutato a reggere meglio anche fisicamente il percorso di cura”.

Nessun commento:

Posta un commento