IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 13 ottobre 2016

FO IL LAICO

Dario Fo, addio laico in piazza Duomo a Milano sabato 15 ottobre

MILANO – Un addio laico per Dario Fo nella piazza del Duomo di Milano. Alle 12 del 15 ottobre i parenti, gli amici e le persone che vorranno dare un ultimo saluto al premio Nobel per la letteratura e grande giullare della cultura italiana si potranno riunire nella piazza della città che lo ha accolto e per cui Fo si è sempre impegnato, fino a candidarsi alle primarie da sindaco nel 2006.
Lo scrittore è morto il 13 ottobre, un premio Nobel che se ne va proprio nel giorno del premio Nobel alla Letteratura 2016, che ha incoronato il cantautore Bob Dylan tra le proteste e i dubbi degli scrittori. Fo si è spento dopo 12 giorni di ricovero in ospedale a causa di un peggioramento della malattia polmonare che lo affliggeva da tempo. Al suo fianco il figlio Jacopo e i suoi collaboratori, con cui si intratteneva, sempre sostenendo che “non si può evitare di invecchiare, ma si può evitare di diventare vecchio”, una massima a cui si è sempre attenuto. Il figlio Jacopo ha raccontato:
“Lui ha recitato il primo agosto davanti a tremila persone e con un gravissimo problema polmonare è riuscito a cantare. Il primario ci ha detto: ‘io sono ateo ma adesso credo ai miracoli'”. Se ne è andato stamattina alle 8 “senza subire accanimento terapeutico, su un uomo di 90 in una situazione ormai terminale sarebbero stati sadismo”.
Milano è sempre stata il centro della sua attività, qui si è anche candidato sindaco (o meglio, candidato alle primarie del centrosinistra) nel 2006 perché all’impegno civile non ha mai rinunciato, come dimostra il sostegno ai 5 stelle, con cui salì sul palco per chiudere la campagna elettorale nel 2013 e nel 2014. E proprio Milano ha deciso di dargli l’omaggio più grande.
L’ultimo addio, con una cerimonia laica, sarà nel cuore della città: in piazza Duomo, sabato a mezzogiorno, dopo che la salma sarà accompagnata dalla camera ardente. A ricordarlo saranno, fra gli altri, il patron di slow food Carlin Petrini e Jacopo. La camera ardente verrà aperta il 14 ottobre alle 9,45 nel foyer del Piccolo Strehler.
Lo stesso teatro davanti al quale tre anni fa si svolse la cerimonia funebre per Franca Rame e dove lui urlò alla moglie l’ultimo addio, mentre il Comune ha deciso di proclamare il lutto cittadino ed è pronto a tumularlo al Famedio, il pantheon del cimitero maggiore di Milano, e a intitolargli la Palazzina Liberty, che dal ’74 all’80 ospitò gli spettacoli del suo collettivo teatrale ‘la Comune’. Il figlio ha spiegato:

“Ha resistito e ha continuato a lavorare 8-9-10 ore al giorno fino a quando è stato ricoverato. Bisognerebbe metterlo nei prontuari medici. L’arte, la passione e l’impegno civile servono. E’ stato un gran finale”.

Nessun commento:

Posta un commento