IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 17 ottobre 2016

ATTACCO AD ASSANGE

Rappresaglia contro Wikileaks: Assange resta senza connessione a internet

Il sito stava diffondendo il contenuto delle mail private di Hillary Clinton
Julian Assange

Julian Assange

globalist17 ottobre 2016
Ormai la guerra si sta spostando sul web. La cyberwar, appunto. Così - probabilmente per rappresaglia - Assange, è rimasto senza connessione.
La denuncia è arrivata dallo stesso fondatore  di WikiLeaks, che attraverso l’account Twitter della sua organizzazione, ha dichiarato «Il collegamento internet di Assange è stato intenzionalmente interrotto da uno Stato. Abbiamo attivato un piano di emergenza appropriato».
Chi è lo Stato? Considerando che Wikileaks ha appena diffuso materiale privato di Hillary Clinton si può immaginare a chi si riferisca Assange. Del resto l'australiano è stato accusato da più parti di agire al soldo di Mosca.
E Assange è nel mirino degli Stati Uniti che vorrebbe arrestarlo e processarlo come già fatto con il soldato Manning.
 L’hacker australiano, durante la conferenza stampa tenuta a Berlino per i dieci anni di WikiLeaks, ha ricordato come Hillary Clinton sia responsabile della sua persecuzione giudiziaria. Ma allo stesso tempo ha respinto al mittente le accuse di chi lo vuole impegnato in una campagna per screditare la candidata democratica favorendo così l’avversario Trump. 
Nei giorni scorsi, sempre in seguito alla vicenda di Dnc Leaks — così viene chiamata la campagna di WikiLeaks che ha diffuso migliaia di mail del partito democratico e della campagna di Hillary Clinton — gli Usa hanno minacciato apertamente Mosca, considerata il mandante di questi hackeraggi, di una rappresaglia.

Nessun commento:

Posta un commento