IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 7 settembre 2016

QUEI MONOLITI DI 20 METRI


Foto di Sergey Karpukhin

Scoperta una città granitica nella tundra della Siberia con monoliti alti 20 metri


LA STAMPA 07/09/2016
Un’antichissima città granitica ai confini della terra. A scoprire quest’insolito scenario roccioso, in Siberia, è stato il biologo Alexander Krivoshapkin: stava sorvolando l’area per censire le renne selvatiche della zona quando la sua curiosità è stata attratta dall’insolita forma dei monoliti che spuntavano dalla desertica tundra, non presenti sulle mappe.  

A metterci piede per la prima volta è stato invece il fotografo moscovita Sergey Karpukhin , che ha visitato il sito geologico grazie a una campagna di crowdfunding, testimoniando l’esistenza di una sconosciuta formazione rocciosa che raggiunge i venti metri d’altezza e dista oltre tremila chilometri da una delle città più remote, e fredde, della Russia
Foto di Sergey Karpukhin  

A scolpire quest’insolito paesaggio sono stati secoli di erosione, congelamento e scongelamento del granito che ricopre la catena montuosa di Ulakhan-Sis in Yakutia, repubblica della Russia situata nella Siberia orientale. Il suo territorio vastissimo ne fa la più estesa unità amministrativa del mondo. E ora si scopre che custodisce anche questa meraviglia della natura non ancora scoperta dal mercato turistico. 

Foto di Sergey Karpukhin  

A stupire sono le forme che nei secoli hanno acquisito queste rocce. Alcuni potrebbero sembrare antichi guerrieri artici in marcia, improvvisamente trasformati in pietra, come sotto incantesimo. Nel linguaggio Yakut, questi tipi di rocce vengono chiamati kisilyakhi, dalla parola kisi, che significa uomo.  

Solo la vastità della Siberia avrebbe potuto portare a una scoperta così sbalorditiva: un mondo moderno e avanzato circondato da una natura selvaggia e talmente incontaminata da non essere stata ancora mappata, o immortalata da qualche satellite. E nonostante la distanza dalla civiltà, e da ogni altra meta turistica, c’è da scommetterci che ora si farà a gara per chi recensirà per primo su Tripadvisor quest’insolita città granitica, degna di essere inserita nel patrimonio mondiale dell’Unesco


Nessun commento:

Posta un commento