IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 17 settembre 2016

PERCHE' LA RUSSIA CE L'HA CON GLI USA CIRCA LA SIRIA

Russia agli Usa: stop agli attacchi dei ribelli o la tregua cessa

L'esercito russo: "I ribelli hanno usato il cessate il fuoco per riorganizzarsi e compiere attacchi e gli Usa non li hanno fermati. Così la tregua cessa".
Siria, immagine d'archivio

Siria, immagine d'archivio

globalist17 settembre 2016
La Russia ha fatto sapere tramite il suo esercito che la situazione in Siria sta precipitando. Mosca ha accusato i ribelli siriani di aver intensificato gli attacchi negli ultimi giorni e ha accusato gli Stati Uniti d’America di non aver fatto nulla per fermali, spiegando quindi che dietro la possibile fine della tregua, che sarebbe dovuta durare fino a domani, 18 settembre 2016, ci sarebbero gli Usa.

"La situazione in Siria sta peggiorando", ha detto il generale russo Vladimir Savchenko durante un briefing mandato in onda nella televisione russa. "Nelle ultime 24 ore, il numero di attacchi sono aumentati bruscamente", ha detto il generale con 55 attacchi contro il governo che hanno fatto vittime anche tra i civili.

Il generale Savchenko ha aggiunto che ci sono già stati 12 morti, tra cui due bambini, con i ribelli siriani che hanno usato la tregua per riorganizzarsi e "passare all'offensiva": "Atti di terrorismo – ha avvertito - sono possibili nei distretti di Aleppo, Damasco, Tartus e Latakia."


La situazione in Siria

Il generale Viktor Poznikhir ha aggiunto: "Ci sono continui attacchi, tutti falliti messi a segno da gruppi armati illegali che hanno violato il cessate il fuoco. La mancanza di un posto di blocco nella parte orientale della strada Castello controllata dai ribelli non ci permette di assicurare la consegna sicura di aiuti umanitari ad Aleppo”.

"La Russia sta comunque facendo ogni possibile sforzo per evitare che le truppe governative rispondano agli attacchi ", ha poi assicurato Poznikhir. “Se gli americani non prenderanno le misure necessarie per adempiere ai propri obblighi... la colpa della fine della tregua sarà degli Usa”.

Mosca accusa Washington di non riuscire a fermare i ribelli armati che non fanno distinzione tra gli uomini fedeli al regime di Bashar al-Assad e i jihadisti dell’Isis: "Gli Stati Uniti ed i cosiddetti gruppi moderati da questi controllati non messo in pratica un solo obbligo,deciso nell’accordo di Ginevra", ha spiegato Savchenko. "I nostri messaggi ripetuti agli americani non hanno ricevuto risposta", ha concluso il generale.

Nessun commento:

Posta un commento