IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 19 settembre 2016

PELL SAPEVA DEGLI ABUSI

Pedofilia: inchiesta Australia, card. Pell sapeva di abusi

Pedofilia: inchiesta Australia, card. Pell sapeva di abusi

Sarebbe stato avvisato da un prete notoriamente pedofilo

SYDNEY – Il cardinale George Pell, già arcivescovo di Melbourne, di Sydney e poi prefetto degli Affari economici del Vaticano, era stato avvisato degli abusi commessi da un prete notoriamente pedofilo, trasferito da una parrocchia all’altra dove continuava a commettere abusi, un decennio prima che una speciale task force della polizia cominciasse nel 2012 a indagare sui suoi crimini. Lo rivela una lettera presentata come prova davanti alla Commissione australiana d’inchiesta sulle risposte delle istituzioni agli abusi sessuali a minori, che conduce udienze ormai da tre anni. Il sacerdote, John Farrell, è stato infine condannato lo scorso maggio a 18 anni di carcere per 62 reati di pedofilia contro 12 vittime. Una delle sue vittime, il cui nome non può essere divulgato, scrisse nel 2002 al card. Pell, allora arcivescovo di Sydney, “per richiamare la sua attenzione ai severi e prolungati abusi sessuali che ho sofferto” come chierichetto nei primi anni 1980. Nella lettera la vittima nomina Farrel e aggiunge: “chiedo spiegazioni sulla maniera in cui la Chiesa cattolica ha trattato tali eventi” e sul trattamento riservato al sacerdote. Pell è stato nominato in testimonianze durante diverse udienze della Commissione e ha deposto egli stesso di persona riguardo ai tempi in cui serviva a Ballarat, Melbourne e Sydney.
E’ anche sotto indagine della polizia dello stato di Victoria per accuse di abusi a minori che egli ha descritto come “totalmente falsi”, accusando la polizia di aver fatto trapelare dettagli delle indagini per danneggiarlo.
http://www.ansa.it/legalita/rubriche/cronaca/2016/09/16/pedofilia-inchiesta-australia-card.-pell-sapeva-di-abusi_c2375fe5-d732-4907-863b-60498ede73f4.html

Nessun commento:

Posta un commento