IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 25 settembre 2016

L'OCCIDENTE CONTRO MOSCA

“Mosca sponsorizza la barbarie”, scontro Usa-Russia al Consiglio di sicurezza sulla Siria

La replica dell’ambasciatore Chrkin: «Washington ha distrutto gli equilibri del Medio Oriente usando i terroristi di al Nusra per rovesciare il governo»
AFP
Il segretario di Stato statunitense John Kerry

LA STAMPA 25/09/2016
INVIATO A NEW YORK
Drammatica riunione d’emergenza al Consiglio di Sicurezza dell’Onu sulla guerra in Siria: gli Usa accusano la Russia di «sponsorizzare la barbarie», e Mosca risponde accusando Washington di «aver distrutto gli equilibri del Medio Oriente, usando i terroristi di al Nusra per rovesciare il governo». 

La riunione è stata convocata dopo gli attacchi degli ultimi giorni, che il regime di Assad ha lanciato contro gli oppositori ad Aleppo. Questa serie di bombardamenti ha fatto saltare di fatto la tregua che Usa e Russia avevano negoziato giorni fa a Ginevra. 

L’ambasciatore americana all’Onu, Samantha Power, ha criticato frontalmente Mosca: «La Russia in Siria non sta sponsorizzando la lotta al terrorismo, ma la barbarie». Il collega britannico l’ha subito appoggiata, accusando il Cremlino di voler aiutare Assad a riprendere il controllo del paese con la forza. 

L’ambasciatore russo Chrkin ha risposto dicendo che l’intera crisi di instabilità e violenza in corso in Medio Oriente è stata provocata dalla volontà degli Usa di cambiare gli equilibri nella regione. Quindi ha accusato il segretario di Stato Kerry di aver mentito sul ruolo dei caccia russi nel recente bombardamento di un convoglio umanitario dell’Onu: «Kerry stesso ci aveva detto che gli aerei russi sono stati nella zona solo per due minuti, e quindi è impossibile che abbiano colpito per oltre un’ora». 

L’inviato dell’Onu de Mistura ha detto che «ad Aleppo ci sono 270.000 abitanti, non possono essere tutti terroristi». Quindi ha sollecitato le parti a tornare a rispettare i termini della tregua, e negoziare una soluzione politica.  

Nessun commento:

Posta un commento