IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 25 settembre 2016

LA RAGGI E' TELECOMANDATA

Montezemolo e Sgarbi contro la Raggi: "Sembra telecomandata"

Pioggia di critiche per la sindaca di Roma che ha detto No alle Olimpiadi
Virginia Raggi

Virginia Raggi

globalist23 settembre 2016
Dopo l'ufficializzazione del no alle Olimpiadi, restano alti i toni dello scontro tra la sindaca di Roma, Virginia, Raggi, e il presidente del Coni, Giovanni Malagò. E non solo: entrano a gamba tesa nella polemica anche Luca Cordero di Montezemolo e Vittorio Sgarbi.

Intervistato dal Corriere della Sera, Montezemolo, presidente del Comitato promotore di Roma 2024, non risparmia critiche alla sindaca della Capitale Virginia Raggi: "Ho avuto l'impressione che la sindaca abbia parlato sotto dettatura, come una macchina telecomandata, sicuramente in modo non rispettoso delle istituzioni sportive, costrette a fare anche anticamera". "Non si può mica solo dire no per evitare di assumersi le responsabilita'". "Ho il massimo rispetto delle istituzioni e chi ha vinto le elezioni ha il dovere di decidere. Ma non posso condividere, nei modi e nella sostanza, questa decisione che suona come una rinuncia a una sfida per il futuro, al bene dei giovani, a quasi 200 mila posti di lavoro, a una città più sostenibile con meno barriere per anziani, disabili e famiglie", dice Montezemolo. "Capisco il discorso delle priorità per i cittadini: ma come si fa a pensare che tra 8 anni Roma viva ancora in emergenza?". "Se Roma si arrende trasmette al mondo l'immagine di una città che non accetta di migliorare se stessa e che non crede al proprio futuro. Se ci fermiamo, tra un anno esatto, a Lima, tanto per iniziare, daranno a un altro Paese il miliardo e 700 milioni a fondo perduto destinati agli impianti sportivi, molti dei quali in periferia. E poi la rinuncia penalizzerebbe non solo Roma, ma anche Cagliari e la Sardegna, dove sono previste le regate, e le altre 10 città italiane che ospiterebbero le partite di calcio", prosegue Montezemolo, secondo cui per il referendum popolare "è tardi, questa strada andava imboccata prima". Adesso "mi sembra difficile che si possa cambiare una decisione politica già presa. Lo ha chiarito bene anche Renzi. Però spero ancora che sulla logica di partito prevalga la voglia di cogliere una opportunità. Per Roma. Per l'Italia intera", conclude.


Vittorio Sgarbi su Facebook ha ribadito il suo disappunto riguardo il no della sindaca Virginia Raggi a Roma 2024: "L'Ambra Angiolini che parla nel corpo di Virginia Raggi ha evidentemente sentito male i suggerimenti che le venivano da quelli che, a partire da Grillo, il suo Boncompagni, le hanno fatto dire che è da irresponsabili fare le Olimpiadi a Roma... è irresponsabile negarle". "Irresponsabili che non capiscono, come Grillo e come lei, che Roma è una grande Capitale - prosegue il critico d'arte - le Olimpiadi toccano le grandi capitali. Roma non è un piccolo paese o un borgo sperduto. Immaginiamo no se lo avesse detto un sindaco come quello di Londra. Roma è almeno come Londra, è Roma Capitale, non Mafia Capitale. Non è una questione patriottica, ma di decoro e rispetto per la propria città: dire che non è adeguata, che non è in grado, è un modo vile di sottrarsi alla responsabilità e umiliare la propria città".

"Raggi non ha la dimensione di quello che è il suo compito - conclude Sgarbi - non può dire 'non siamo in grado', è un atto di viltà contro la sua città. Si ribellino i cittadini contro questo sindaco abusivo, eletto con i voti della destra, divisa per una scelta sbagliata di candidature che hanno riversato i voti su di lei".



Nessun commento:

Posta un commento