IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 11 settembre 2016

CONTINUIAMO A VENDERE ARMI ALL'EGITTO NONOSTANTE REGENI

L’Italia ha continuato a vendere armi all’Egitto anche dopo l’omicidio di Giulio Regeni | VICE News

Negli ultimi anni l’Egitto è sempre stato uno dei clienti preferiti dei fabbricanti di armi made in Italy. Nonostante il caso Regeni, questo trend non è cambiato, né sembra destinato a cambiare in futuro.
Anche dopo l’assassinio di Giulio Regeni, l’Italia ha continuato a vendere all’Egitto armi e munizioni per un valore superiore al milione di euro.
Come verificato da VICE News, il business delle esportazioni sta proseguendo indisturbato nonostante diverse risoluzioni europee abbiano esortato la sospensione delle forniture “di attrezzature che potrebbero essere usate a fini di repressione interna” anche verso il paese nordafricano.
Lo scorso 3 febbraio il corpo senza vita di Giulio Regeni veniva ritrovatoseminudo sul ciglio dell’autostrada che collega Il Cairo ed Alessandria, una settimana dopo la sua scomparsa. Sul cadavere furono identificate ferite da tortura, ecchimosi e mutilazioni. Gli investigatori seguirono diverse piste, ma subito iniziò a circolare il sospetto che nell’omicidio fossero stati coinvolti gli apparati di sicurezza del regime.
Regeni si era recato nella capitale egiziana per completare un dottorato di ricerca sullo sviluppo economico del paese per conto dell’Università di Cambridge. Tra i suoi argomenti di studio c’erano anche i sindacati indipendenti egiziani—circostanza che ha subito fatto nascere l’ipotesi di una misura ‘punitiva’ verso il 28enne.
Allo stesso tempo, alcuni presunti tentennamenti del governo italiano nel cercare la verità sulla sua morte hanno acceso i riflettori sui forti interessi commerciali che girano attorno all’Egitto, tra cui spicca la vendita di armi. Diversi organismi ed esponenti politici hanno chiesto la sospensione delle forniture militari a un paese macchiato dalle violazioni dei diritti umani.
L’8 marzo si è pronunciato anche il Parlamento Europeo, approvando una risoluzione che, tra le altre cose, invita gli stati membri a “vietare l’esportazione di qualsiasi tipo di materiale di sicurezza e aiuto militare in Egitto.”
I dati verificati da VICE News rivelano però che, due mesi dopo il ritrovamento del corpo del ricercatore, l’Italia ha inviato nuovi armamenti in Egitto.
Secondo le informazioni commerciali rese note dall’ISTAT, ad aprile 2016 il paese guidato dal regime di al-Sisi ha infatti ricevuto dall’Italia 2.450 kg di armi e munizioni—per un valore totale di oltre un milione di euro.
Dalle statistiche non è possibile risalire direttamente ai destinatari specifici; tuttavia, secondo l’analisi di Giorgio Beretta dell’Osservatorio Permanente sulla Armi Leggere (OPAL), questo materiale potrebbe essere finito nelle mani di apparati di sicurezza o forze di polizia.
“Si tratta di armi semiautomatiche, come pistole o fucili. Solitamente questo tipo di armi non finisce tra le mani dei militari, quanto piuttosto a questo tipo di corpi speciali,” ha spiegato Beretta a VICE News.
“Se così fosse, non si potrebbero giustificare come armi mandate per combattere il terrorismo internazionale. Queste pistole possono essere utilizzate per la repressione interna. Va quindi urgentemente fatta chiarezza sui destinatari specifici di queste esportazioni.”
Negli ultimi anni l’Egitto è sempre stato uno dei clienti preferiti dai fabbricanti di armi made in Italy.
Nel 2015 l’Italia aveva esportato verso l’Egitto armi e munizioni non militari per un valore totale pari a sette milioni di euro, collocandosi al quarto posto tra i principali fornitori del paese nordafricano.
Come evidenziato dall’Osservatorio OPAL, tra questi scambi ci sarebbe anche la vendita di 3.661 fucili prodotti in gran parte da un’azienda della provincia di Pesaro-Urbino.
Comtrade ( database) confirms that in 2015 Italy sent 3.661 shotguns to Al Sisi security forces. 

Nessun commento:

Posta un commento