IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 21 settembre 2016

DON PRETTA NON VUOL SMETTERE DI FOTTERSI I MINORI

Accuse di pedofilia contro Don Pretta: il giorno dell’archiviazione

Accuse di pedofilia contro Don Pretta: il giorno dell’archiviazione

Una vera guerra di sacerdoti dietro il caso che scotta?
Cresce l’attesa per l’archiviazione (attesa per oggi) delle accuse di pedofilia contro don Luca Pretta, già parroco di Gesico, chiesta dal Pubblico Ministero Liliana Ledda perché, il magistrato, ha ritenuto le stesse infondate. Una vicenda che, al pari di quella che ha visto coinvolto anche l’ex parroco di Villamar don Pascal Manca (finito in carcere per la stessa accusa) , ha sconvolto l’intera Diocesi di Cagliari.
Accuse che hanno visto tra i protagonisti altri sacerdoti, sentiti a verbale, che hanno contribuito a creare un quadro accusatorio che, nel caso di don Pretta, è crollato sotto l’attenta indagine condotta dagli inquirenti. Curiosa la coincidenza che ha visto coinvolti nelle indagini per pedofilia proprio i due sacerdoti che, a leggere il sito blog.messainlatino.it, sono stati protagonisti a maggio 2010 di un corso di canto gregoriano organizzato in Sardegna con i Canonici  dell’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote e, in particolare, con don Wulfran Lebocq e don Joseph Luzuy, tra i massimi esponenti della liturgia tridentina. Lo stesso Istituto al centro di una violenta polemica, nell’estate 2013, che aveva visto i Vescovi della Sardegna chiedere l’intervento del Papa contro la decisione iniziale (poi revocata) della Giunta Regionale di affidare l’ex seminario proprio ai Canonici di Gricigliano.
Una decisione, allora commentata dal giornalista Vito Biolchini nel suo blog, di un ritorno “a nuova vita della struttura, gestita da un gruppo di cattolici ultratradizionalisti: quelli che contestano il Concilio Vaticano II, quelli delle messe rigorosamente in latino”. Lo stesso Biolchini aveva scritto che “da subito il presidente della Conferenza Episcopale sarda, l’arcivescovo di Cagliari Arrigo Miglio, ha manifestato il proprio disappunto per l’iniziativa, formalizzata con una richiesta arrivata alla Regione nell’aprile dello scorso anno”. Episodi, si dirà. Utili comunque per capire le vere e proprie guerre di “religione” registrate all’interno della Diocesi di Cagliari. Dalle carte del procedimento contro don Pretta sono attese diverse novità e sorprese. Anche per capire il ruolo avuto da alcuni sacerdoti. D.S.
http://www.castedduonline.it/area-vasta/hinterland/39930/accuse-di-pedofilia-contro-don-pretta-il-giorno-dell-archiviazione.html

Nessun commento:

Posta un commento