IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 22 settembre 2016

ALEPPO NON ESISTE PIU'. E ORA CI BUTTANO LE BOMBE AL FOSFORO

Nuovi raid su Aleppo. Testimoni denunciano l’utilizzo di bombe al fosforo

L’Ondus afferma che sono stati condotti almeno 14 raid diversi su Bustan al Qasr e Kallasa. Intanto il vice ministro degli Esteri russo definisce «impraticabile» l’idea di Kerry sul no fly zone in Siria
AP

LA STAMPA 22/09/2016
Intensi bombardamenti aerei nella notte su quartieri di Aleppo est, fuori dal controllo governativo, con testimoni oculari che denunciano l’uso di «bombe al fosforo». Immagini trasmesse dall’Aleppo Media Center mostrano alcuni quartieri illuminati a giorno dalle esplosioni di colore bianco prodotte dagli ordigni. L’Ondus afferma che sono stati condotti almeno 14 raid diversi su Bustan al Qasr e Kallasa. «Si è trattato dei raid aerei più violenti da mesi all’interno di Aleppo. Molto intensi. In quell’area non si erano registrati violenti combattimenti di recente», ha detto il direttore dell’Osservatorio Rami Abdulrahman. Anche gruppi di ribelli locali hanno confermato che si è trattato del bombardamento più violento da mesi, almeno da aprile. La zona è assediata dalle forze lealiste e dalle milizie filo-iraniane ed è presa di mira da mesi da raid russi e governativi siriani. 

Il viceministro degli esteri russo Serghiei Riabkov intanto respinge la proposta del segretario di Stato Usa John Kerry di vietare le azioni dei velivoli in specifiche aree della Siria: «Non è attuabile». «Penso - ha spiegato Riabkov, citato questa volta dalla Tass - che questa proposta rifletta la posizione di Washington sulla responsabilità di Damasco e, come loro sostengono, della parte russa per l’attacco contro il convoglio umanitario». Riabkov ha quindi aggiunto che «questo schema non funzionerà, almeno fino a quando gli Stati Uniti e gli altri attori coinvolti in questo processo non faranno sì che i gruppi che vedono la guerra come l’unico modo per risolvere il problema smettano di usare la forza». 

Nessun commento:

Posta un commento