IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 23 agosto 2016

VIAGGIA 400 KM SOTTO UN TIR

Viaggia 400 km agganciato sotto un tir sull’A1, polizia stradale salva un giovane migrante

Si era legato con delle cinghie all’autoarticolato. Si indaga sul ruolo del conducente
Il “nascondiglio” sotto il tir dove il giovane migrante aveva trovato riparo

LA STAMPA 23/08/2016
Agganciato con delle cinghie sotto un autoarticolato, ha percorso 400 Km sull’A1 ed è stato infine salvato dalla polizia stradale. È l’incredibile vicenda che ha visto per protagonista un giovane immigrato, forse minorenne, che è stato ritrovato stremato ieri pomeriggio dai soccorritori.  

L’allarme dato da altri automobilisti  
L’allarme è scattato grazie a diverse telefonate giunte alla sala operativa della Polizia Stradale di Frosinone, che segnalavano la probabile presenza di una persona sotto un tir che stava percorrendo l’A1 in direzione nord. La pattuglia della Sottosezione Polstrada di Frosinone, nonostante l’intenso traffico legato al controesodo dei vacanzieri, è riuscita a fermare il camion al km 617, all’altezza di Ferentino.  

Si indaga sul ruolo dell’autista  
Durante le verifiche, sotto l’automezzo, agganciato con cinghie, è stato trovato il giovane straniero, che è stato subito liberato e accompagnato presso l’Ospedale di Frosinone e affidato alle cure dei sanitari. I poliziotti hanno proceduto all’ispezione del mezzo. Da accertare le responsabilità del conducente, ovvero se fosse a conoscenza del piano del profugo o se questi avesse approfittato di una sosta dell’autotreno per mettere in atto il suo piano, come da accertare dove il profugo abbia cominciato il viaggio 


«Chi scappa da guerre e povertà è pronto a rischiare la propria vita anche agganciato sotto un tir che percorre centinaia di km in autostrada. Per questo il lavoro delle forze dell’ordine e, in questo specifico caso, della polizia stradale è prezioso, delicato quanto fondamentale. Salvare una vita umana non ha prezzo, prevenire reati è il nostro compito primario», afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil. «Anche questa estate - dice Tissone - le forze di polizia hanno incrementato i loro sforzi, in particolare, sul fronte dell’immigrazione. Abbiamo avuto situazioni drammatiche, come a Ventimiglia dove ha perso la vita un nostro collega ma, anche, storie bellissime, come questa che ha visto protagonista una pattuglia della polstrada di Frosinone». 

(Il giovane nella foto diffusa dalla Polizia di Stato) 

Nessun commento:

Posta un commento