IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 4 agosto 2016

SEVERED: IL NUOVO GIOCO

L’erede di Monument Valley? Si chiama Severed

Grafica minimale, giocabilità immediata e ambientazione horror sono gli ingredienti di questo piccolo capolavoro per smartphone

LA STAMPA 04/08/2016
Nel mare infinito dei Candy Crush e dei Clash of Clans , ogni tanto su smartphone spunta un piccolo grande gioco capace di andare oltre i soliti schemi. È il caso di Pokèmon Go, certo, ma soprattutto di Monument Valley, che nel 2014 si guadagnò il titolo di miglior gioco mobile dell’anno. E che ora potrebbe aver trovato un degno erede. 

Severedche in italiano vuol dire “reciso”, racconta la storia di Sasha, una ragazza alla ricerca della propria famiglia che, senza capire come, si risveglia in un mondo parallelo popolato da mostri e demoni. Qualcuno, o qualcosa, le ha amputato un braccio. Mentre stretta tra le dita dell’altra, unica, mano c’è una gigantesca spada incantata. 


Storia a parte, la giocabilità di Severed, inizialmente uscito solo per PS Vita e ora disponibile anche su iOS, si basa tutta sul touchscreen. Utile soprattutto per spostarsi e guardarsi attorno, mentre si esplora, stanza per stanza, schermata per schermata, l’inquietante ed evocativo mondo di gioco. Toccando con un dito il bordo dello schermo, la visuale in prima persona si sposterà di 90 gradi, mentre scorrendo con due dita si potrà osservare l’ambiente circostante a 360 gradi, un po’ come nei video panoramici di Facebook. 


Al centro del gioco ci sono, inutile dirlo, i combattimenti a colpi di spada contro demoni di ogni tipo. Trascinando il dito sullo schermo si potranno lanciare fendenti da ogni direzione, causando più danni a seconda dell’ampiezza del nostro movimento. Uccidendo i mostri dopo una serie di colpi ben assestati, avremo a disposizione pochi secondi per “recidere” (da cui il nome del gioco) gli arti dei nemici, utilizzandoli poi come ingredienti per potenziare armi, armature e abilità. 


Da dieci e lode anche il comparto artistico, che ricalca quanto già fatto dagli sviluppatori per Guacamelee, un gioco d’avventura ispirato ai colori e alle forme del folklore messicano: utilizzando forme essenziali, toni vibranti e mostri dal design lugubre gli sviluppatori sono riusciti a dare vita a un mondo vivo e ricco di mistero. Per non parlare dell’audio: il consiglio è di giocare utilizzando le cuffie, fermandosi ogni tanto ad ascoltare i suoni inquietanti che echeggiano tra stanze e corridoi. Severed, insomma, riesce davvero a trasformare lo smartphone in una finestra affacciata su un mondo parallelo. Oscuro e ricco di pericoli, certo. Ma forse, proprio per questo, dannatamente interessante. 

Nessun commento:

Posta un commento