IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 25 agosto 2016

QUANDO I MEDIA PROVOCANO IL NUCLEARE

By John Pilger
ICH - RT
The exoneration of a man accused of the worst of crimes, genocide, made no headlines. Neither the BBC nor CNN covered it. The Guardian allowed a brief commentary. Such a rare official admission was buried or suppressed, understandably. It would explain too much about how the rulers of the world rule. 
The International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia (ICTY) has quietly cleared the late Serbian president, Slobodan Milosevic, of war crimes committed during the 1992-95 Bosnian war, including the massacre at Srebrenica.


Far from conspiring with the convicted Bosnian-Serb leader Radovan Karadzic, Milosevic actually “condemned ethnic cleansing”, opposed Karadzic and tried to stop the war that dismembered Yugoslavia. Buried near the end of a 2,590-page judgement on Karadzic last February, this truth further demolishes the propaganda that justified Nato’s illegal onslaught on Serbia in 1999.
Milosevic died of a heart attack in 2006, alone in his cell in The Hague, during what amounted to a bogus trial by an American-invented “international tribunal”. Denied heart surgery that might have saved his life, his condition worsened and was monitored and kept secret by US officials, as WikiLeaks has since revealed.
Milosevic was the victim of war propaganda that today runs like a torrent across our screens and newspapers and beckons great danger for us all. He was the prototype demon, vilified by the western media as the “butcher of the Balkans” who was responsible for “genocide”, especially in the secessionist Yugoslav province of Kosovo. Prime Minister Tony Blair said so, invoked the Holocaust and demanded action against “this new Hitler”.
David Scheffer, the US ambassador-at-large for war crimes [sic], declared that as many as “225,000 ethnic Albanian men aged between 14 and 59” may have been murdered by Milocevic’s forces.
This was the justification for Nato’s bombing, led by Bill Clinton and Blair, that killed hundreds of civilians in hospitals, schools, churches, parks and television studios and destroyed Serbia’s economic infrastructure. It was blatantly ideological; at a notorious “peace conference” in Rambouillet in France, Milosevic was confronted by Madeleine Albright, the US secretary of state, who was to achieve infamy with her remark that the deaths of half a million Iraqi children were “worth it”.
Albright delivered an “offer” to Milosevic that no national leader could accept. Unless he agreed to the foreign military occupation of his country, with the occupying forces “outside the legal process”, and to the imposition of a neo-liberal “free market”, Serbia would be bombed. This was contained in an “Appendix B”, which the media failed to read or suppressed. The aim was to crush Europe’s last independent “socialist” state.
Once Nato began bombing, there was a stampede of Kosovar refugees “fleeing a holocaust”. When it was over, international police teams descended on Kosovo to exhume the victims. The FBI failed to find a single mass grave and went home. The Spanish forensic team did the same, its leader angrily denouncing “a semantic pirouette by the war propaganda machines”. The final count of the dead in Kosovo was 2,788. This included combatants on both sides and Serbs and Roma murdered by the pro-Nato Kosovo Liberation Front. There was no genocide. The Nato attack was both a fraud and a war crime.
All but a fraction of America’s vaunted “precision guided” missiles hit not military but civilian targets, including the news studios of Radio Television Serbia in Belgrade. Sixteen people were killed, including cameramen, producers and a make-up artist. Blair described the dead, profanely, as part of Serbia’s “command and control”.
In 2008, the prosecutor of the International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia, Carla Del Ponte, revealed that she had been pressured not to investigate Nato’s crimes.
This was the model for Washington’s subsequent invasions of Afghanistan, Iraq, Libya and, by stealth, Syria. All qualify as “paramount crimes” under the Nuremberg standard; all depended on media propaganda. While tabloid journalism played its traditional part, it was serious, credible, often liberal journalism that was the most effective – the evangelical promotion of Blair and his wars by the Guardian, the incessant lies about Saddam Hussein’s non-existent weapons of mass destruction in the Observer and the New York Times, and the unerring drumbeat of government propaganda by the BBC in the silence of its omissions.
At the height of the bombing, the BBC’s Kirsty Wark interviewed General Wesley Clark, the Nato commander. The Serbian city of Nis had just been sprayed with American cluster bombs, killing women, old people and children in an open market and a hospital. Wark asked not a single question about this, or about any other civilian deaths.
Others were more brazen. In February 2003, the day after Blair and Bush had set fire to Iraq, the BBC’s political editor, Andrew Marr, stood in Downing Street and made what amounted to a victory speech. He excitedly told his viewers that Blair had “said they would be able to take Baghdad without a bloodbath, and that in the end the Iraqis would be celebrating. And on both of those points he has been proved conclusively right.” Today, with a million dead and a society in ruins, Marr’s BBC interviews are recommended by the US embassy in London.
Marr’s colleagues lined up to pronounce Blair “vindicated”. The BBC’s Washington correspondent, Matt Frei, said, “There’s no doubt that the desire to bring good, to bring American values to the rest of the world, and especially to the Middle East … is now increasingly tied up with military power.”
This obeisance to the United States and its collaborators as a benign force “bringing good” runs deep in western establishment journalism. It ensures that the present-day catastrophe in Syria is blamed exclusively on Bashar al-Assad, whom the West and Israel have long conspired to overthrow, not for any humanitarian concerns, but to consolidate Israel’s aggressive power in the region. The jihadist forces unleashed and armed by the US, Britain, France, Turkey and their “coalition” proxies serve this end. It is they who dispense the propaganda and videos that becomes news in the US and Europe, and provide access to journalists and guarantee a one-sided “coverage” of Syria.
The city of Aleppo is in the news. Most readers and viewers will be unaware that the majority of the population of Aleppo lives in the government-controlled western part of the city. That they suffer daily artillery bombardment from western-sponsored al-Qaida is not news. On 21 July, French and American bombers attacked a government village in Aleppo province, killing up to 125 civilians. This was reported on page 22 of the Guardian; there were no photographs.
Having created and underwritten jihadism in Afghanistan in the 1980s as Operation Cyclone - a weapon to destroy the Soviet-Union - the US is doing something similar in Syria. Like the Afghan Mujahideen, the Syrian “rebels” are America’s and Britain’s foot soldiers. Many fight for al-Qaida and its variants; some, like the Nusra Front, have rebranded themselves to comply with American sensitivities over 9/11. The CIA runs them, with difficulty, as it runs jihadists all over the world.
The immediate aim is to destroy the government in Damascus, which, according to the most credible poll (YouGov Siraj), the majority of Syrians support, or at least look to for protection, regardless of the barbarism in its shadows. The long-term aim is to deny Russia a key Middle Eastern ally as part of a Nato war of attrition against the Russian Federation that eventually destroys it.
The nuclear risk is obvious, though suppressed by the media across “the free world”. The editorial writers of the Washington Post, having promoted the fiction of WMD in Iraq, demand that Obama attack Syria. Hillary Clinton, who publicly rejoiced at her executioner’s role during the destruction of Libya, has repeatedly indicated that, as president, she will “go further” than Obama.
Gareth Porter, a journalist reporting from Washington, recently revealed the names of those likely to make up a Clinton cabinet, who plan an attack on Syria. All have belligerent cold war histories; the former CIA director, Leon Panetta, says that “the next president is gonna have to consider adding additional special forces on the ground”.
What is most remarkable about the war propaganda now in flood tide is its patent absurdity and familiarity. I have been looking through archive film from Washington in the 1950s when diplomats, civil servants and journalists were witch-hunted and ruined by Senator Joe McCarthy for challenging the lies and paranoia about the Soviet-Union and China. Like a resurgent tumor, the anti-Russia cult has returned.
In Britain, the Guardian’s Luke Harding leads his newspaper’s Russia-haters in a stream of journalistic parodies that assign to Vladimir Putin every earthly iniquity. When the Panama Papers leak was published, the front page said Putin, and there was a picture of Putin; never mind that Putin was not mentioned anywhere in the leaks.
Like Milosevic, Putin is Demon Number One. It was Putin who shot down a Malaysian airliner over Ukraine. Headline: “As far as I’m concerned, Putin killed my son.” No evidence required. It was Putin who was responsible for Washington’s documented (and paid for) overthrow of the elected government in Kiev in 2014. The subsequent terror campaign by fascist militias against the Russian-speaking population of Ukraine was the result of Putin’s “aggression”. Preventing Crimea from becoming a Nato missile base and protecting the mostly Russian population who had voted in a referendum to rejoin Russia – from which Crimea had been annexed – were more examples of Putin’s “aggression”. Smear by media inevitably becomes war by media. If war with Russia breaks out, by design or by accident, journalists will bear much of the responsibility.
In the US, the anti-Russia campaign has been elevated to virtual reality. The New York Times columnist Paul Krugman, an economist with a Nobel Prize, has called Donald Trump the “Siberian Candidate” because Trump is Putin’s man, he says. Trump had dared to suggest, in a rare lucid moment, that war with Russia might be a bad idea. In fact, he has gone further and removed American arms shipments to Ukraine from the Republican platform. “Wouldn’t it be great if we got along with Russia,” he said.
This is why America’s warmongering liberal establishment hates him. Trump’s racism and ranting demagoguery have nothing to do with it. Bill and Hillary Clinton’s record of racism and extremism can out-trump Trump’s any day. (This week is the 20th anniversary of the Clinton welfare “reform” that launched a war on African-Americans). As for Obama: while American police gun down his fellow African-Americans the great hope in the White House has done nothing to protect them, nothing to relieve their impoverishment, while running four rapacious wars and an assassination campaign without precedent.
The CIA has demanded Trump is not elected. Pentagon generals have demanded he is not elected. The pro-war New York Times - taking a breather from its relentless low-rent Putin smears - demands that he is not elected. Something is up. These tribunes of “perpetual war” are terrified that the multi-billion-dollar business of war by which the United States maintains its dominance will be undermined if Trump does a deal with Putin, then with China’s Xi Jinping. Their panic at the possibility of the world’s great power talking peace – however unlikely – would be the blackest farce were the issues not so dire.
“Trump would have loved Stalin!” bellowed Vice-President Joe Biden at a rally for Hillary Clinton. With Clinton nodding, he shouted, “We never bow. We never bend. We never kneel. We never yield. We own the finish line. That’s who we are. We are America!”
In Britain, Jeremy Corbyn has also excited hysteria from the war-makers in the Labour Party and from a media devoted to trashing him. Lord West, a former admiral and Labour minister, put it well. Corbyn was taking an “outrageous” anti-war position “because it gets the unthinking masses to vote for him”.
In a debate with leadership challenger Owen Smith, Corbyn was asked by the moderator: “How would you act on a violation by Vladimir Putin of a fellow Nato state?”
We found out 20 years later they were lying about Milosevic. They're doing the same lying about Assad now @HKX07@snarwani@Souria4Syrians
— Quintus Curtius (@QuintusCurtius) August 17, 2016
Corbyn replied: “You would want to avoid that happening in the first place. You would build up a good dialogue with Russia … We would try to introduce a de-militarisation of the borders between Russia, the Ukraine and the other countries on the border between Russia and Eastern Europe. What we cannot allow is a series of calamitous build-ups of troops on both sides which can only lead to great danger.”
Pressed to say if he would authorize war against Russia “if you had to”, Corbyn replied: “I don’t wish to go to war – what I want to do is achieve a world that we don’t need to go to war.”
The line of questioning owes much to the rise of Britain’s liberal war-makers. The Labour Party and the media have long offered them career opportunities. For a while the moral tsunami of the great crime of Iraq left them floundering, their inversions of the truth a temporary embarrassment. Regardless of Chilcot and the mountain of incriminating facts, Blair remains their inspiration, because he was a “winner”.
Dissenting journalism and scholarship have since been systematically banished or appropriated, and democratic ideas emptied and refilled with “identity politics” that confuse gender with feminism and public angst with liberation and willfully ignore the state violence and weapons profiteering that destroys countless lives in faraway places, like Yemen and Syria, and beckon nuclear war in Europe and across the world.
The stirring of people of all ages around the spectacular rise of Jeremy Corbyn counters this to some extent. His life has been spent illuminating the horror of war. The problem for Corbyn and his supporters is the Labour Party. In America, the problem for the thousands of followers of Bernie Sanders was the Democratic Party, not to mention their ultimate betrayal by their great white hope.
In the US, home of the great civil rights and anti-war movements, it is Black Lives Matter and the likes of Codepink that lay the roots of a modern version.
For only a movement that swells into every street and across borders and does not give up can stop the warmongers. Next year, it will be a century since Wilfred Owen wrote the following. Every journalist should read it and remember it.
If you could hear, at every jolt, the blood
Come gargling from the froth-corrupted lungs,
Obscene as cancer, bitter as the cud
Of vile, incurable sores on innocent tongues,
My friend, you would not tell with such high zest
To children ardent for some desperate glory,
The old lie: Dulce et decorum est
Pro patria mori.
Journalist, film-maker and author, John Pilger is one of two to win British journalism’s highest award twice. For his documentary films, he has won an Emmy and a British Academy Award, a BAFTA. Among numerous other awards, he has won a Royal Television Society Best Documentary Award. His epic 1979 Cambodia Year Zero is ranked by the British Film Institute as one of the ten most important documentaries of the 20th century. 

JohnPilger.com - the films and journalism of John Pilger
TRADUZIONE
PROVOCARE LA GUERRA NUCLEARE ATTRAVERSO I MEDIA

DI JOHN PILGER
La discolpa di un uomo accusato del peggiore dei crimini, il genocidio, non ha fatto notizia. Né la BBC, né la CNN ne hanno parlato. Il Guardian si è permesso un breve commento. Una tale rara ammissione ufficiale è stata sepolta o cancellata, comprensibilmente. Spiegherebbe troppo bene come i padroni del mondo lo governano.

L'ICTY, il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia dell'Aia, ha tacitamente esonerato il defunto presidente serbo, Slobodan Milosevic, da crimini di guerra commessi durante il conflitto in Bosnia del 1992-1995, tra cui il massacro di Srebrenica.


Lungi dal cospirare con il pregiudicato leader serbo-bosniaco Radovan Karadzic, Milosevic in realtà "condannò la pulizia etnica", si oppose a Karadzic e cercò di fermare la guerra che smembrava la Jugoslavia. Questa verità, sepolta verso la fine di una sentenza di 2.590 pagine su Karadzic lo scorso febbraio, demolisce ulteriormente la propaganda che giustificò l'attacco illegale della Nato alla Serbia nel 1999.

Milosevic morì di infarto nel 2006, isolato nella sua cella all'Aja, durante quello che si rivelò essere un processo fasullo intentatogli da un cosiddetto "tribunale internazionale" inventato dagli americani. Gli fu negato un intervento cardiaco che avrebbe potuto salvargli la vita, e la sua condizione peggiorò, monitorata e tenuta segreta da funzionari degli Stati Uniti, come poi svelato da WikiLeaks.

Milosevic è stato vittima della propaganda di guerra che oggi scorre come un fiume sui nostri schermi e giornali, con grande pericolo per noi tutti. Era il prototipo del demonio, diffamato dai media occidentali come il "macellaio dei Balcani", responsabile di "genocidio", in particolare nella provincia jugoslava secessionista del Kosovo. Il primo ministro Tony Blair disse proprio così, invocando l'Olocausto e chiedendo un intervento contro "questo nuovo Hitler". David Scheffer, ambasciatore generico degli Stati Uniti per crimini di guerra [sic], dichiarò che "225.000 uomini di etnia albanese e di età compresa tra i 14 e i 59 anni” potrebbero essere stati uccisi dalle forze di Milosevic.

Fu questa la giustificazione per i bombardamenti della Nato, guidata da Bill Clinton e Blair, che uccise centinaia di civili in ospedali, scuole, chiese, parchi e studi televisivi e che distrusse le infrastrutture economiche della Serbia. Era palesemente ideologica; in una nota "conferenza per la pace" a Rambouillet, in Francia, Milosevic fu affrontato da Madeleine Albright, il segretario di Stato Americano di allora, quella che si coprì poi d'infamia nel dire che la morte di mezzo milione di bambini iracheni era "valsa la pena".

La Albright recapitò a Milosevic una "offerta" che nessun leader nazionale avrebbe potuto accogliere. A meno che non accettasse l'occupazione militare straniera del suo paese, con le forze di occupazione "esentate da processi legali", e l'imposizione di un "libero mercato" neo-liberale, la Serbia sarebbe stata bombardata. Questo era il testo di una "Appendice B", che i mezzi di comunicazione non lessero o che soppressero. L'obiettivo era quello di distruggere l'ultimo stato "socialista” indipendente dell'Europa.

Una volta iniziati i bombardamenti della Nato, ci fu una partenza precipitosa di profughi kosovari "in fuga da un olocausto". Quando tutto finì, squadre internazionali di polizia scesero sul Kosovo per riesumare le vittime del cosiddetto "olocausto". L'FBI non riuscì a trovare una sola fossa comune e tornò a casa. La polizia scientifica spagnola fece lo stesso, con il suo leader che denunciava con rabbia "una piroetta semantica delle macchine di propaganda di guerra". Il conteggio finale dei morti in Kosovo fu di 2.788. Tale numero includeva i combattenti di entrambe le parti e serbi e rom uccisi dal Kosovo Liberation Front (pro-NATO). Non c'era stato nessun genocidio. L'attacco della NATO era stato sia una truffa che un crimine di guerra.

A parte una minima quantità, tutti i missili di “precisione guidata" di cui si vantava l'America colpirono obiettivi civili, non militari, tra cui gli studi della Radio Televisione Serba a Belgrado. Sedici persone furono uccise, tra cui cameramen, produttori e un truccatore. Con insolenza, Blair descrisse i morti come parte del "comando e controllo" serbo. Nel 2008, Carla Del Ponte, pubblico ministero del Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia, svelò che le fu fatta pressione per non indagare sui crimini della NATO.

È stato questo il modello per le successive invasioni di Washington dell'Afghanistan, Iraq, Libia e, segretamente, della Siria. Tutte si qualificano come "crimini di primaria importanza" per gli standard di Norimberga; e tutte dipendono dalla propaganda mediatica. Mentre il giornalismo scandalistico giocava la sua parte tradizionale, è stato il giornalismo serio, credibile, spesso liberale il più efficace – la promozione evangelica di Blair e delle sue guerre da parte del Guardian, le continue menzogne circa le inesistenti armi di distruzione di massa di Saddam Hussein dell'Observer e del New York Times, e l'infallibile rullo di tamburi di propaganda governativa della BBC nel silenzio delle sue omissioni.

Al culmine dei bombardamenti, Kirsty Wark della BBC intervistò il generale Wesley Clark, comandante della NATO. Sulla città serba di Nis erano appena state gettate bombe a grappolo americane, che uccisero donne, vecchi e bambini in un mercato aperto e un ospedale. La Wark non fece una sola domanda riguardo a queste o a qualsiasi altre morti di civili. Altri erano più sfacciati. Nel febbraio 2003, il giorno dopo che Blair e Bush avevano dato a fuoco l'Iraq, il redattore politico della BBC, Andrew Marr, si trovava a Downing Street e fece una specie di discorso di vittoria. Eccitato, disse ai suoi telespettatori che Blair aveva "asserito che sarebbero stati in grado di prendere Baghdad senza un bagno di sangue, e che alla fine gli iracheni avrebbero festeggiato. E su entrambi questi punti ha avuto ragione." Oggi, con un milione di morti e una società in rovina, le interviste di Marr per la BBC sono raccomandate dall'ambasciata degli Stati Uniti a Londra.

I colleghi di Marr si misero in fila per pronunciare Blair "scagionato". Matt Frei, corrispondente da Washington della BBC, disse, "Non c'è dubbio che il desiderio di portare la buona sorte, di portare i valori americani nel resto del mondo, e in particolare in Medio Oriente ... è ora sempre più legato alla potenza militare."

Questo ossequioso riferimento agli Stati Uniti e ai suoi sodali come forza benigna "che porta la buona sorte" è radicato in profondità nella classe dirigente giornalistica occidentale. Si assicura che per la catastrofe odierna in Siria sia accusato esclusivamente Bashar al-Assad, che l'Occidente e Israele hanno a lungo cospirato per rovesciare, non certo per questioni umanitarie, ma per consolidare il potere aggressivo di Israele in quella regione. Le forze jihadiste scatenate e armate dagli Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Turchia e dalla "coalizione" per procura servono a questo fine. Sono loro che dispensano la propaganda e i video che diventano notizie negli Stati Uniti e in Europa, che procurano l'accesso ai giornalisti garantendo una "copertura" unilaterale della Siria.

La città di Aleppo è nei notiziari. La maggior parte dei lettori e telespettatori non può sapere che la maggioranza della popolazione di Aleppo vive nella parte occidentale della città, controllata dal governo. Il fatto che soffra bombardamenti di artiglieria tutti i giorni da al-Qaeda, che a sua volta è sponsorizzato dall'occidente non appare nelle news. Il 21 luglio scorso, i bombardieri francesi e americani hanno attaccato un villaggio del governo nella provincia di Aleppo, uccidendo circa 125 civili. Questo è stato comunicato a pagina 22 del Guardian; non c'erano fotografie.

Dopo aver creato e finanziato il jihadismo in Afghanistan negli anni '80 come Operazione Ciclone – un'arma per distruggere l'Unione Sovietica – gli Stati Uniti stanno facendo qualcosa di simile in Siria. Come i mujahideen afgani, i siriani "ribelli" sono i fanti dell'America e della Gran Bretagna. Molti lottano per al-Qaeda e le sue varianti; altri, come al-Nusra, si sono ridefiniti per adeguarsi al pensiero americano sull'11 settembre. La CIA li controlla, con difficoltà, come controlla i jihadisti in tutto il mondo.

Lo scopo immediato è quello di distruggere il governo di Damasco, che, secondo il sondaggio più credibile (YouGov Siraj), la maggior parte dei siriani sostiene, o perlomeno ne cerca la protezione, senza curarsi della barbarie nelle sue ombre. Lo scopo a lungo termine è quello di negare alla Russia un alleato chiave in Medio Oriente come parte di una guerra di logoramento della Nato contro la Federazione Russa che alla fine la distrugge.

Il rischio nucleare è evidente, anche se occultato dai media in tutto "il mondo libero". Gli scrittori editoriali del Washington Post, dopo aver caldeggiato la finzione delle armi di distruzione di massa in Iraq, chiedono che Obama attacchi la Siria. Hillary Clinton, che pubblicamente gioì del proprio ruolo di carnefice durante la distruzione della Libia, ha più volte ripetuto che, come presidente, lei "andrà più lontano" di Obama.

Gareth Porter, un giornalista contro corrente, scrivendo da Washington, ha recentemente rivelato i nomi di coloro che potrebbero costituire il gabinetto della Clinton, e che pianificano un attacco alla Siria. Tutti hanno storie belligeranti della guerra fredda; l'ex direttore della CIA, Leon Panetta, dice che "il prossimo presidente dovrà prendere in considerazione l'aggiunta di forze speciali supplementari sul terreno".

La cosa più notevole circa la propaganda di guerra ora in pieno flusso è la sua assurdità e familiarità. Mi sono riguardato vecchi film d'archivio di Washington del 1950, quando diplomatici, funzionari pubblici e giornalisti subivano una caccia alle streghe ed erano rovinati dal senatore Joe McCarthy solo perché contestavano le menzogne e la paranoia circa l'Unione Sovietica e la Cina. Come un tumore risorgente, il culto anti-Russia è tornato.

In Gran Bretagna, Luke Harding del Guardian guida gli odiatori della Russia del suo giornale in un flusso di parodie giornalistiche che attribuiscono a Vladimir Putin ogni iniquità terrena. Quando sono stati pubblicati i Panama Papers, in prima pagina c'era scritto Putin, e c'era una foto di Putin; non importava che Putin non fosse menzionato da nessuna parte nella fuga di notizie.

Come Milosevic, Putin è il Demone Numero Uno. È stato Putin ad abbattere un aereo di linea della Malesia sull'Ucraina. Titolo: "Per quanto mi riguarda, Putin ha ucciso mio figlio". Nessuna prova richiesta. È stato Putin ad essere responsabile del documentato (e pagato da Washington) rovesciamento del governo eletto a Kiev nel 2014. La successiva campagna di terrore da parte delle milizie fasciste contro la popolazione russofona dell'Ucraina è stato il risultato dell'"aggressione" di Putin. Prevenire che la Crimea diventasse una base missilistica Nato e proteggere la popolazione in gran parte russa che aveva votato in un referendum per ricongiungersi alla Russia – da cui la Crimea era stata annessa – sono stati altri esempi di "aggressione" di Putin. La macchina del fango mediatica diventa inevitabilmente guerra mediatica. Se la guerra con la Russia scoppia, per progetto o per caso, gran parte della responsabilità sarà dei giornalisti.

Negli Stati Uniti, la campagna anti-Russia è stata elevata a realtà virtuale. Paul Krugman del New York Times, economista e premio Nobel, ha definito Donald Trump il "candidato siberiano", perché, dice, Trump è uomo di Putin. Trump aveva osato suggerire, in un raro momento di lucidità, che la guerra con la Russia potrebbe essere una cattiva idea. In realtà, egli è andato oltre ed ha rimosso le spedizioni di armi americane verso l'Ucraina dalla piattaforma repubblicana. "Non sarebbe una gran cosa se andassimo d'accordo con la Russia”, ha detto.

È questo il motivo per cui l'establishment liberale guerrafondaio degli Stati Uniti lo odia. Gli sproloqui di razzismo e demagogia di Trump non centrano niente. I record di razzismo ed estremismo di Bill e Hillary Clinton possono battere Trump qualsiasi giorno. (Questa settimana è il 20° anniversario della “riforma” Clinton del welfare che ha lanciato una guerra contro gli afro-americani). Per quanto riguarda Obama: mentre la polizia americana ammazza i suoi consimili afro-americani la grande speranza della Casa Bianca non ha fatto nulla per proteggerli, nulla per mitigare il loro impoverimento, mentre conduceva quattro guerre rapaci e una campagna di omicidi senza precedenti.

La CIA ha richiesto che Trump non sia eletto. I generali del Pentagono hanno richiesto che non venga eletto. I pro-guerra del New York Times – prendendosi una pausa dal loro continuo sputtanamento di Putin – richiedono che non venga eletto. Sta succedendo qualcosa. Questi difensori della "guerra perpetua" sono terrorizzati che il business di guerra da multi-miliardi di dollari attraverso cui gli Stati Uniti mantengono il loro dominio sarà compromesso se Trump fa un accordo con Putin, poi con il presidente della Cina Xi Jinping. Il loro panico alla possibilità che i grandi poteri mondiali parlino di pace – per quanto improbabile – sarebbe la farsa più nera se i temi non fossero così tragici.

"Trump avrebbe amato Stalin!" tuonò il vice presidente Joe Biden durante una manifestazione pro Hillary Clinton. Mentre lei annuiva, gridò, "Noi non ci inchiniamo mai. Non ci pieghiamo mai. Non ci inginocchiamo mai. Non cediamo mai. Possediamo la linea del traguardo. Questo è ciò che siamo. Noi siamo l'America!".

In Gran Bretagna, Jeremy Corbyn ha anche suscitato l'isteria dei guerrafondai nel partito laburista e da uno dei media dedicati a bastonarlo. Lord West, un ex ammiraglio e ministro del Lavoro, lo ha detto bene. Corbyn stava prendendo una posizione “oltraggiosa” contro la guerra "per ottenere che le masse non pensanti votino per lui".

In un dibattito con Owen Smith, suo sfidante per la leadership, a Corbyn è stato chiesto dal moderatore: "Come reagirerebbe ad una violazione da parte di Vladimir Putin nei confronti di uno stato della Nato?" Corbyn rispose: "Si vorrebbe evitare che ciò accada, in primo luogo. Si potrebbe costruire un buon dialogo con la Russia... Proveremmo ad avviare una de-militarizzazione delle frontiere tra la Russia, l'Ucraina e gli altri paesi che confinano con la Russia e l'Europa orientale. Quello che non possiamo permettere è una serie di disastrosi ammassamenti di truppe su entrambi i lati che potrebbero portare solo grande pericolo".

Incalzato a dire se avrebbe autorizzato la guerra contro la Russia "se avesse dovuto", Corbyn rispose: "Non voglio andare in guerra – quello che voglio fare è ottenere un mondo in cui non abbiamo bisogno di andare in guerra".

Il tipo di domande deve molto alla crescita in Gran Bretagna dei liberali pro-guerra. Il partito laburista ed i media hanno a lungo offerto loro opportunità di carriera. Per un po' lo tsunami morale del grande crimine in Iraq li ha fatti incespicare, i loro capovolgimenti della verità un imbarazzo temporaneo. A prescindere dall'inchiesta Chilcot e dalla montagna di fatti incriminanti, Blair rimane la loro ispirazione, perché era un "vincente".

Il giornalismo critico e le borse di studio da allora sono stati sistematicamente banditi o adattati, e le idee democratiche svuotate e riempite con la "politica d'identità" che confonde il genere con il femminismo e l'ansia pubblica con la liberazione e volontariamente ignora la violenza di stato e l'affarismo delle armi che distrugge innumerevoli vite in luoghi lontani, come lo Yemen e la Siria, e invita alla guerra nucleare in Europa e in tutto il mondo.

L'entusiasmo di persone di tutte le età per la spettacolare ascesa di Jeremy Corbyn in una certa misura confutano tutto questo. La sua è una vita spesa ad illustrare l'orrore della guerra. Il problema di Corbyn e dei suoi sostenitori è il partito laburista. In America, il problema per le migliaia di seguaci di Bernie Sanders è stato il Partito Democratico, per non parlare del loro massimo tradimento da parte della loro grande speranza bianca. Negli Stati Uniti, patria dei grandi diritti civili e dei movimenti contro la guerra, sono Black Lives Matter e quelli come Codepink che piantano le radici di una versione moderna.

Perché solo un movimento che si riversa in ogni strada, che attraversa le frontiere e che non si arrrende può fermare i guerrafondai.

L'anno prossimo, sarà un secolo da quando Wilfred Owen scrisse quanto segue. Ogni giornalista dovrebbe leggerlo e ricordarlo...

Se potessi sentire, ad ogni sobbalzo, il sangue
Gorgogliare dai polmoni corrotti dalla schiuma,
Osceno come il cancro, amaro come il bolo
Di ripugnanti, incurabili piaghe su lingue innocenti,
Amico mio, tu non diresti con tanto entusiasmo
Ai bambini ardenti per qualche disperata gloria,
La vecchia bugia: Dulce et decorum est
Pro patria mori.

John Pilger
23.08.2016

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da GIANNI ELLENA

Nessun commento:

Posta un commento