IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 30 agosto 2016

NOVITA' DA VIA FANI

Via Fani. Nuove indagini della procura di Roma: sette indagati tra cui Moretti

ARTICOLOTRE
via fani-Redazione– Sono trascorsi quarant’anni dal rapimento dell’allora presidente della Democrazia cristiana Aldo Moro e dall’uccisione degli uomini della scorta.
La  Procura generale presso la Corte d’appello di Roma – rivela la Gazzetta di Reggio – apre una nuova indagine a carico di sette componenti delle Brigate rosse per «un reato commesso nell’ambito della strage di via Fani e del rapimento e dell’omicidio dell’onorevole Moro». 
«Franco Bonisoli, Mario Moretti, Barbara Balzerani, Valerio Morucci, Adriana Faranda, Raffaele Fiore e Raimondo Etro – riferisce l’avvocato Valter Biscotti, difensore delle famiglie delle vittime – sono stati indagati dalla Procura generale di Roma. La novità è a dir poco straordinaria».
 L’indagine è coperta dalla massima segretezza in quanto  spiega l’avvocato«le deposizioni in gran parte non sono state ottenute, visto che gli indagati si sarebbero avvalsi della facoltà di non rispondere». 
Nel mirino degli inquirenti una misteriosa automobile piombata la mattina del 16 marzo del 1978 all’incrocio tra via Fani e via Stresa al momento dell’agguato e contro cui sarebbero stati esplosi dei colpi che avrebbero costretto l’auto ad allontanarsi.
Degli attuali indagati, erano parte del nucleo armato Bonisoli, Morucci e Fiore, mentre Moretti e Balzerani erano alla guida di due delle auto che bloccarono le vie di fuga. Faranda, sebbene fosse tra i capi della colonna romana delle Br, non avrebbe partecipato in prima persona alla strage, come anche Etro, incaricato di nascondere le armi poi utilizzate nell’azione del sequestro. 
Il caso Moro, oltre al possibile coinvolgimento della ‘Ndrangheta, si arricchisce di nuovi misteri.

Nessun commento:

Posta un commento