IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 15 agosto 2016

L'ISIS IN FUGA LASCIA ALEPPO COME UN INFERNO

Isis in fuga: liberati 2000 civili in ostaggio, ma Aleppo è un inferno

ARTICOLOTRE
isis-Redazione- Isis in rotta nel nord della Siria, dove i jihadisti  hanno dovuto abbandonare la roccaforte strategica di Manbij ad una coalizione curdo-araba sostenuta dagli Usa.
E anche i circa 2.000 civili, secondo i miliziani che hanno conquistato la città, sono stati liberati  dai jihadisti in fuga, che li hanno usati come scudi umani per proteggersi dai bombardamenti nella ritirata.
Continua anche la guerra ad Aleppo, un'ottantina di chilometri a ovest, nonostante la tregua quotidiana di tre ore annunciata dalla Russia. E i civili continuano a morire. Almeno 18 persone, secondo fonti dell'opposizione e della Difesa civile che opera nei territori sotto il controllo degli insorti, sono stati uccisi in raid aerei che hanno preso di mira una cittadina a nord della metropoli e in cui ancora una volta è stato colpito un ospedale.
Secondo fonti curde, i jihadisti si stanno ritirando a nord verso Jarablus con un convoglio di centinaia di mezzi. Shervan Derwish, un portavoce delle Sdf, ha detto che i miliziani anti-Isis stanno facendo "ogni sforzo per strappare i civili dalle mani di quello che resta dei jihadisti dell'Isis".
Poi in serata il portavoce Derwish – citato da vari media internazionali, fra cui Bbc e SkyNews – ha dichiarato che gli ostaggi sono stati liberati. Per quanto riguarda la regione di Aleppo, le fonti locali hanno detto che i bombardamenti aerei in cui sono morti i 18 civili sono avvenuti nella cittadina di Kafr Hamra.

Nessun commento:

Posta un commento