IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 24 agosto 2016

L'ISIS DISTRUGGERA' IL PIU' GRANDE CIMITERO DEL MONDO?

Iraq, l’Isis “minaccia” il più grande cimitero del mondo

Troppi caduti fra i miliziani sciiti, nella Valle della Pace vicino a Najaf non c’è più posto

LA STAMPA 24/08/2016
INVIATO A BEIRUT
Il più grande cimitero del mondo, cinque milioni di sepolture su 10 chilometri quadrati, è al collasso. E la colpa è ancora una volta dell’Isis. Nel Wadi al-Salam, la Valle della Pace, vorrebbero essere sepolti quasi tutti gli sciiti iracheni, vicino al mausoleo del Primo Imam, Ali Bin Abi Talib, cugino e genero di Maometto. Ma per i “martiri”, i giovani delle milizie sciite che combattono contro lo Stato islamico, è quasi un diritto. Solo che con le battaglie di Ramadi e Falluja, e ora con quella che sta cominciando a Sud di Mosul, il numero di caduti e delle sepolture si è moltiplicato. E i prezzi del terreno sacro sono esplosi. 

Il cimitero da 5 milioni di posti è senza posti a causa della guerra all’Isis

I martiri della guerra agli islamisti  
Il Wadi al-Salam è uno dei cimiteri più spettacolari al mondo, assieme alla Città dei Morti del Cairo. E si trova in una delle zone più sacre per gli sciiti, fra Najaf e Karbala, dove venne ucciso il nipote di Maometto e figlio di Ali Bin Abi Talib, Hussein. Per questo è così prestigioso essere sepolti qui. Dopo gli iracheni, gli iraniani sono i più numerosi a riposare nella Valle della Pace. Le famiglie ricche costruiscono piccoli mausolei con cupole e statue, le altre si accontentato di 25 metri quadrati. Ma i “martiri” sono passati da poche decine a fino a duecento al giorno. Tanto che uno dei modi per capire le effettive perdite irachene durante una battaglia è seguire l’andamento delle sepolture a Najaf. Il prezzo della terra per una famiglia è arrivato a un milione di dollari, oltre 3 mila dollari. Un’enormità per l’iracheno medio, che guadagna circa 300 dollari la mese. 

Nessun commento:

Posta un commento