IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 27 agosto 2016

LE RAZZE DEGLI STATI UNITI

Quanti sono i neri negli Stati Uniti – Il Post

Manifestanti del movimento Black Lives Matter protestano contro la polizia a New York, l’1agosto 2016 (Drew Angerer/Getty Images) 
ilpost.it – Quanti sono i neri negli Stati UnitiProvate a dire una percentuale, e probabilmente sarà sbagliata: chi sono, dove vivono, quanti anni hanno e perché è importante.
Nella percezione comune, spesso il numero di persone appartenenti a minoranze etniche e religiose di un dato paese, così come il numero dei suoi disoccupati, è molto più alto di quanto sia in realtà.
Per questo ogni anno l’istituto di sondaggi britannico Ipsos Mori realizza un’indagine chiamata Perils of Perception (“Pericoli della percezione”) in cui cerca di mostrare le differenze tra la realtà e come la maggior parte delle persone la percepisce; in quella del 2015 l’Italia è risultata il decimo paese più ignorante dei 28 presi in considerazione.
Gli errori di questo tipo dipendono dalle inesattezze che a volte vengono pubblicate sui giornali e dal fatto che spesso le statistiche non vengono riportate quando sarebbe utile.
Uno degli errori più comuni di questo tipo riguarda il numero di cittadini neri degli Stati Uniti: molte persone pensano che siano pari al 30 o al 40 per cento della popolazione, mentre in realtà sono il 13,3 per cento.
Come è fatta la popolazione degli Stati Uniti
I cittadini degli Stati Uniti sono 321 milioni secondo gli ultimi dati dell’Ufficio del censimento nazionale, che risalgono al 2015.
Il 97,4 per cento dei cittadini americani si identifica come appartenente a un solo gruppo etnico legato alle caratteristiche fisiche: il 77,1 per cento si definisce “bianco”, il 13,3 per cento si definisce “nero o afroamericano”, il 5,6 per cento “asiatico”, l’1,2 per cento di origine nativa americana, lo 0,2 originario delle isole del Pacifico. Il restante 2,6 per cento della popolazione si identifica come appartenente a due o più gruppi etnici legati alle caratteristiche fisiche.
Una delle ragioni per cui si pensa che i neri americani siano di più di quanti sono è che alcuni sondaggi e statistiche, per esempio quelli il cui scopo è evidenziare i privilegi, distinguono solo tra bianchi e non-bianchi: i non-bianchi sono il 22,9 per cento della popolazione.
Una categoria separata dell’Ufficio del censimento è quella dei cosiddetti “Hispanics or Latinos“, cioè le persone di origini latinoamericane o spagnole: questa categoria non corrisponde a un gruppo etnico preciso, dato che ne possono fare parte bianchi, neri e asiatici, chiunque si riconosca nella categoria per discendenza, paese di nascita, ragioni culturali o linguistiche.
Le persone che si definiscono ispaniche corrispondono al 17,6 per cento della popolazione degli Stati Uniti secondo l’ultimo censimento: contrariamente a quanto molte persone pensano, quindi, in America gli ispanici sono più dei neri, nonostante le due categorie in parte si sovrappongano.
Capire le differenze tra neri e ispanici, e sapere quanti sono e dove abitano negli Stati Uniti, è utile anche per comprendere le strategie politiche dei candidati alla presidenza degli Stati Uniti per ottenere i voti degli uni e degli altri: i diversi gruppi etnici votano storicamente in modo diverso e i dati sulle diverse categorie sono usati da chi fa i sondaggi per mostrare i risultati delle diverse campagne elettorali.
Dove vivono i neri
Un’altra delle ragioni per cui si pensa che negli Stati Uniti i neri siano molti di più di quanti siano in realtà è che la percentuale di neri varia molto tra stati e città diverse. Nello stato di New York, per esempio, i neri sono il 17,6 per cento, mentre nella sola città di New York, che è la più popolosa degli Stati Uniti, sono il 25,5 secondo un censimento del 2010; a Philadelphia, quinta città degli Stati Uniti per numero di abitanti, i neri sono il 43,4 per cento della popolazione (dati del 2010), ma se si considera l’intero stato della Pennsylvania, di cui la città fa parte, la percentuale scende all’11,7 per cento (dati del 2015).
In alcuni stati i neri sono molto pochi: nel North Dakota, uno stato settentrionale, i neri sono solo il 2,4 per cento della popolazione.
Dati che tengono conto di chi si identifica unicamente come “nero o afroamericano” aggiornati al 2010:
Ci sono poi differenze tra le grandi città e gli stati in cui si trovano. Un esempio che mostra quanto le percentuali possano variare è quello di Detroit e del Michigan.
Detroit è il più grande centro abitato del Michigan, ed è anche la prima città americana per percentuale di abitanti neri.
A Detroit i neri sono l’82,7 per cento della popolazione, mentre nell’intero Michigan sono solo i 14,2 per cento (che comunque è una percentuale sopra la media nazionale).
Dati che tengono conto di chi si identifica unicamente come “nero o afroamericano” aggiornati al 2010:

In generale, la percentuale di cittadini neri è più alta – oltre che in alcune grandi città – negli stati del sud-est, quelli in cui nel corso del Settecento e dell’Ottocento furono portati più schiavi dall’Africa per lavorare nelle piantagioni.
Gli stati in cui la percentuale di neri è più alta sono il Mississippi, la Louisiana e la Georgia; quelli in cui è più bassa sono il Montana, nel nord-ovest, il Vermont, nel nord-est, e l’Idaho, che confina con il Montana.
Le differenze demografiche tra i diversi stati hanno un peso importante nelle elezioni presidenziali americane dato che il presidente non viene eletto direttamente dai cittadini, ma da un gruppo di cosiddetti “grandi elettori”, distribuiti in modo proporzionale alla popolazione.
In alcuni stati il voto dei neri è più importante perché il loro peso demografico è maggiore.
Bisogna però tenere conto che in alcuni stati il voto dei neri conta meno nonostante essi siano numericamente di più: ciò che conta è la percentuale sull’intera popolazione, non il numero assoluto. Per esempio in California, lo stato più popoloso degli Stati Uniti, il numero di cittadini neri è più del doppio di quelli del Mississippi: ma mentre in California i neri sono il 6,5 per cento, in Mississippi sono il 37,6.

Quanti anni hanno i neri

C’è anche un’altra ragione per cui spesso si sovrastima il numero di cittadini neri negli Stati Uniti: i giornali ne parlano sempre come di un gruppo demografico in crescita. Le percentuali di neri infatti stanno crescendo e sono più alte di quelle di venti o trent’anni fa perché, a differenza di altri gruppi etnici, i neri fanno più figli. In generale, è dagli anni Trenta che la percentuale di cittadini neri è in crescita: nel 1930 i neri erano il 9,7 per cento della popolazione degli Stati Uniti, nel 1970 erano l’11,1 per cento, nel 1990 il 12,1 per cento.
L’Ufficio del censimento ha stimato che per la prima volta nel 2011 più del 50 per cento dei bambini americani minori di 1 anno non era bianco, ma appartenente a una delle minoranze.
Secondo previsioni del 2015, entro il 2020 più della metà di tutti gli americani minori di 18 anni faranno parte di una minoranza etnica; si prevede anche che nel 2060 il totale delle persone che oggi fanno parte delle cosiddette minoranze saranno il 56 per cento della popolazione degli Stati Uniti (e quindi non saranno più minoranze, in qualche modo).
La crescita del numero dei cittadini neri sta cambiando i risultati elettorali di alcuni stati. Nel 2008 Barack Obama vinse in North Carolina, uno stato del sud storicamente Repubblicano per via della maggioranza bianca dei suoi abitanti; Obama fu il primo candidato Democratico a vincere in North Carolina in trent’anni.
Secondo i sondaggi più recenti in Georgia, un altro stato storicamente Repubblicano, Hillary Clinton e Donald Trump sono più o meno pari: Clinton è preferita dal 48,8 per cento della popolazione, Trump dal 51,2, un distacco entro il margine di errore. La crescita delle persone di origini latinoamericane sta avendo conseguenze simili in altri stati americani, per esempio Colorado, Nevada e Arizona.

Le differenze tra i neri

Per l’Ufficio del censimento degli Stati Uniti la categoria “neri o afroamericani” descrive le persone i cui antenati provengono dall’Africa subsahariana e per questo comprende sia i discendenti degli schiavi portati in America tra il Settecento e l’Ottocento, sia i cittadini americani nati in stati africani e poi emigrati e i loro figli, ma anche, per esempio, i sudamericani di origini africane naturalizzati statunitensi.
Secondo alcuni però il termine “afroamericani” descriverebbe solo i discendenti degli schiavi, che non possono sapere con esattezza da quale zona dell’Africa venissero i loro antenati e le cui famiglie vivono negli Stati Uniti da molte generazioni: costituirebbero un gruppo etnico e culturale a parte, non avendo legami stretti con l’Africa come invece succede ai nigeriani-americani o ai kenyoti-americani, per esempio.
Gli stessi neri fanno delle distinzioni sociali tra loro a seconda di quanto è scura la loro pelle. Le differenze nella carnagione sono state un problema per gli afroamericani fin da quando hanno vissuto in America, perché in qualche modo le vecchie idee dei bianchi sulla superiorità dei bianchi sui neri hanno influenzato anche i neri. In molti paesi africani succede la stessa cosa.
Secondo molti esperti di problemi razziali negli Stati Uniti, le possibilità di un nero di avere successo e ottenere riconoscimenti da parte degli americani bianchi sono inversamente proporzionali a quanto è scura la sua pelle: più una persona è nera, meno è probabile che abbia successo nella vita. Negli ultimi anni si è parlato di queste idee soprattutto per Barack Obama, per il giocatore di basket Steph Curry e per la cantante Beyoncé, neri dalla pelle abbastanza chiara.
Obama in particolare non sarebbe nemmeno afroamericano secondo l’uso più stretto del termine, dato che sua madre era bianca e suo padre era kenyota.
Nei prossimi decenni, comunque, le categorie demografiche in cui viene suddivisa la popolazione americana potrebbero diventare ancora più confuse, dato che il numero di immigrati è sempre in aumento, così come quello delle unioni miste: nel 2008 il 14,8 per cento dei nuovi matrimoni fu celebrato tra persone di due diversi gruppi etnici, secondo un rapporto del Pew Research Center. Si prevede che la categoria demografica di chi si riconosce come appartenente a due o più gruppi etnici (i bambini figli di matrimoni misti sono automaticamente inseriti in questa categoria) sarà quella che crescerà più velocemente nei prossimi 46 anni.

Nessun commento:

Posta un commento