IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 11 agosto 2016

LA SLA CRESCERA' TANTISSIMO

Allarme dei ricercatori sulla Sla: nel 2040 i malati aumenteranno del 32 per cento



LA STAMPA 11/08/2016
La Sla cambia bersaglio. Quella che in questi anni è stata conosciuta come la malattia dei calciatori, vedrà nei prossimi anni non solo un cambiamento dei “pazienti tipo” ma anche un aumento preoccupante. Nel 2040 sarà del 32% l’aumento medio dei malati nel mondo, con un raddoppio dei casi in Africa e un aumento del 40% fra le donne.  

LO STUDIO  
A svelarlo è, per la prima volta, uno studio scientifico italo americano sulla frequenza e la prevalenza futura della sclerosi laterale amiotrofica nel mondo, pubblicato oggi sulla rivista internazionale Nature Communication. La ricerca è frutto della collaborazione tra il professor Adriano Chiò del Centro Sla della Città della Salute di Torino e dell’Università degli Studi di Torino e il dottor Bryan Trayno del National Institutes of Health di Bethesda e rivela informazioni preziose per la programmazione degli interventi sanitari a favore dei pazienti con questa malattia.  

I DATI  
I ricercatori italiani e americani hanno previsto che il numero di casi di Sla nel 2040 passerà dai 200 mila del 2015 ad oltre 370 mila. E l’aumento non sarà omogeneo nei vari continenti: in Europa è previsto in incremento del 20% (da 28 mila a 35 mila casi, di cui 16 mila donne), negli Stati Uniti del 35% (da 21 mila a 30 mila), in Cina del 50% (da 20 mila a 32 mila) e in Africa del 100%. In Italia si passerà da 1800 a 2300 malati. 

LE CAUSE  
Tale incremento è dovuto in parte all’invecchiamento della popolazione ma è stato osservato soprattutto tra le donne, che in passato risultavano meno colpite da questa malattia rara, la cui causa è ancora sconosciuta, così come la cura. Attualmente sono noti circa 20 geni che possono causare la Sla, in abbinamento a “cause ambientali” come l’attività sportiva intensiva e il fumo.  

Nessun commento:

Posta un commento