IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 23 agosto 2016

LA NUOVA UNGHERIA CHE MOZZA I MAIALI PER SPAVENTARE I PROFUGHI

Ungheria: teste di maiale per spaventare migranti. Idea partito Orban

BUDAPEST – Teste di maiale sui confini per scoraggiare i migranti che vogliono andare in Ungheria: Gyorgy Schopflin, esponente del partito populista Fidesz (quello del premier di estrema destra Viktor Orban), ha lanciato questa proposta su Twitter e non è detto che sia solo una provocazione. Il partito del presidente Orban è infatti famoso per le sue posizioni xenofobe e il comportamento dell’Ungheria contro i migranti che tentavano di entrare dall’Austria è stato più volte criticato dalla comunità internazionale. Ultima, in ordine di tempo, l’idea di usare dei fantocci decapitatia mo’ di spaventapasseri sulla frontiera.
Scrive La StampaIl tweet ha suscitato un’ondata di indignazione cui il politico ha replicato scrivendo che si tratta solo di un’ «idea», per la quale però non intende scusarsi. La proposta punta a urtare la sensibilità dei migranti di religione islamica, la quale considera impuro il maiale.
Una settimana fa barbabietole e zucche intagliate in modo da farle sembrare teste mozzate erano apparse sulla barriera metallica al confine ungherese con la Serbia, vicino ad Asotthalom, comune guidato da un sindaco che è anche dirigente del partito neonazista Jobbik. Malgrado questa e altre forme di dissuasione, un centinaia di migranti superano ogni giorno la barriera ma in genere vengono catturati dalla polizia e respinti al di là del confine.

Nessun commento:

Posta un commento