IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 30 agosto 2016

IL PROGETTO MEDIAVILLAGE DI MILANO

MediaVillage – A Milano la Biblioteca degli alberi | l’Unità TV

unita.tv – A Milano la Biblioteca degli alberi. Il grande parco tematico di 90mila metri quadri è un vero e proprio giardino botanico moderno – 
L’annuncio è del Comune di Milano: sono partiti i lavori per realizzare un percorso nel verde fatto di “stanze vegetali”illuminate e di viali tematici che collegheranno l’area di Porta Nuova al Metrò. Sarà portato a termine entro la prossima estate. Ha preso il nome di “Biblioteca degli alberi”e non è un caso perché il grande parco tematico di 90mila metri quadri è un vero e proprio giardino botanico moderno ed è lo sviluppo di quell’orto didattico temporaneo sorto in quest’ultimo anno intorno alla Fondazione Catella.
Il progetto era in cantiere da dieci anni. Lo spazio verde prevede la realizzazione di “foreste circolari”fatte di alberi dalle grandi chiome sotto le quali passeggiare e creare spazi per i giochi dei bambini che potranno calpestare, senza rischi, la pavimentazione di gomma antitrauma. È fantastico pensare che, una volta tanto, i veri protagonisti della città contemporanea saranno gli alberi e non il cemento.
Nelle “stanze vegetali”si ritroveranno singole specie di alberi – dalle querce americane ai pioppi – in un percorso che sarà illuminato in maniera diversa rispetto alle altre zone verdi dove troveranno spazio mercatini, teatri naturali per gli spettacoli e piste ciclabili.
Non manca lo spazio dedicato agli orti che a Milano hanno già avuto la possibilità di una serie sperimentazione. In un’altra parte del parco è prevista una successione di piccoli giardini fioriti, di sculture, fontane e spazi attrezzati per la sosta, il pic-nic e il gioco delle bocce: spazio che è stato volutamente pensato per le famiglie favorendo l’incontro tra le diverse generazioni.
I percorsi lineari conducono il visitatore tra due punti secondo una linea retta, ma la complessa struttura della “rete dei sentieri”nel suo insieme crea un interessante sistema di circolazione all’interno del parco.
Ciascun sentiero offre una sua prospettiva e una particolare esperienza dei giardini, delle foreste e delle molte vedute sulla città.
Seguendo i sentieri in una particolare direzione, il visitatore potrà incontrare le numerose situazioni sociali, culturali e commerciali stabilite all’interno del parco. Dopo un concorso internazionale, il progetto è stato assegnato alla paesaggista olandese Petra Blaise.
C’era un ragazzo rimpiangeva Via Gluck.
Ora vedremo un ragazzo che vive e studia nella “Biblioteca degli alberi”.

Nessun commento:

Posta un commento