IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 31 agosto 2016

IL GIORNO DELLA FERTILITA'

Fertility day: “L’utero è mio, e lo gestisce la Lorenzin”

ARTICOLOTRE
14199679_10153900562276864_43525261719966339_n-G.C.- Da qualche tempo a questa parte, si sta combattendo, soprattutto negli ambienti femministi, per abbattere uno dei tabù più imponenti della società: la maternità a tutti i costi.
Mettiamolo in chiaro: esser genitori può rappresentare veramente il senso della vita di qualcuno. Nessuno nega sia una delle esperienze più intense e meravigliose della propria esistenza. Sarebbe però opportuno accettare che ci son donne che, esattamente come ci son uomini -ma su loro non pesa l'accusa della società- che, di figli, non ne vogliono. O ci sono donne che, quegli stessi figli, non possono averli. Non per questo possono essere considerate donne a metà, come invece vorrebbe una certa corrente di pensiero, prettamente medioevale.
A poco a poco, tra insulti e accuse, alcune donne stanno uscendo allo scoperto e, pubblicamente, spiegano le loro ragioni per cui preferiscono evitare -non si parla di chi non può, in questo caso, ma di chi non vuole- la maternità. E, ogni volta, apriti cielo, perché, questo il pensiero comune, una donna che non partorisce, non può essere una donna in tutto e per tutto. Non può sentirsi realizzata, non è completa e altre bestialità di questo genere, che trasformano la femminilità nella proiezione di un'incubatrice ambulante. 
E insomma, proprio ora che questa battaglia di civiltà è stata avviata, ci si mette di mezzo anche il Ministero della Salute, a render il tutto più complicato. Quasi come se la materrnità di una donna sia una questione di Stato, e non una libera scelta di chi, analizzate le contingenze, ponderando su sé e sul momento che viviamo, dovrebbe decidere autonomamente se restare incinta o meno. 
Nasce così il "fertility day", la nuova giornata voluta dal ministro Lorenzin e prevista per il 22 settembre. Ad annunciarla, una serie di cartoline che qualsiasi donna emancipata, madre o meno, potrebbe riconoscere come pura aberrazione. Non troppo lontana dall'idea mussoliniana della riproduzione a tutti i costi, ché la Patria necessita di nuove leve, tanto che sono stati in molti a compiere il paragone con il Duce.
Quasi tutte le cartoline sono dedicate alle donne. Poco sorprendentemente. Una delle più diffuse mostra una ragazza con in mano una clessidra: "La bellezza non ha età, la fertilità sì". Insomma, giovani, datevi da fare, non importa con chi, non importa se volete studiare, se non avete un lavoro, una stabilità, niente: fate figli, che importa. Quello è il vostro compito, i soldi si troveranno, o meglio ancora lo troverà l'uomo, mentre voi vi occuperete della nidiata, come nel Medioevo. 
Poco diverso dal significato di un altro invito: "Genitori giovani, il miglior modo per essere creativi", o "Datti una mossa! Non aspettare la cicogna!". E ancora: "La fertilità è un bene comune", a cui si accompagna l'immagine dell'acqua. Peccato che al Ministero sfugga qualcosa: la fertilità prima ancora di essere un bene comune, è un affare proprio, e anche una caratteristica fisica individuale e, se davvero al dicastero interessa così tanto, dovrebbe piuttosto finanziare la ricerca per combattere la sterilità, per aiutare quelle coppie che, i figli, li vorrebbero davvero, e ne sono impossibilitati. 
Non manca qualche invito agli uomini, in realtà veramente poco di classe. L'immagine di una buccia di banana su un marciapiede: "La fertilità maschile è molto più vulnerabile di quanto non sembri". Tocca spiegarlo noi, al Ministero, che non sempre impotenza significa sterilità? Ma non si occupano loro, della salute?

Nessun commento:

Posta un commento