IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 22 agosto 2016

I BAMBINI-BOMBA DELL'ISIS

Isis lancia bambini bomba. E li fa esplodere a distanza


ROMA ­- Aveva 12 anni quello che si è fatto esplodere alla festa di nozze dei nemici curdi. Si è fatto esplodere o è stato fatto esplodere da un comando a distanza. Uno dei “Leoncini” come vengono chiamati dai media internazionali, piccoli Istishhad come  suggerirebbe la lingua araba o più semplicemente bambini ­bomba, cioè quello che sono. E’ l’ultima  orribile arma messa in campo dal Califfato che, dalla Siria all’Irak passando per la Turchia, usa  sempre più questa soluzione per portare morte e paura. Una scelta figlia di due fattori su tutti: in  primis la speranza, di solito ben fondata, che i bambini pur imbottiti di esplosivo possano più  facilmente passare i controlli delle varie security e, secondo, la necessità di sfruttare tutte le risorse  disponibili anche e soprattutto in un momento in cui le fila Abu Bakr al­Baghdadi e dei combattenti  dello Stato Islamico vanno assottigliandosi.
“Usano i bambini perché sono un simbolo di innocenza ed è più facile farli passare attraverso i  controlli – spiega Guido Olimpio sul Corriere della Sera­. I terroristi scommettono sull’indulgenza  delle sentinelle o del servizio di sicurezza, ritengono – non a torto – che magari davanti a un  minore l’attenzione della guardia sia meno forte. Ed eccoli saltare per aria in mezzo alla folla in  Medio Oriente, in Africa o in Afghanistan agli ordini dei talebani. Due volte vittime: prima  reclutati, quindi mandati a morire tra gli innocenti. Molti movimenti jihadisti hanno fatto ricorso a  quest’arma, terribile, letale, inesauribile. Un modus operandi che porta all’emulazione e alla  celebrazione propagandistica dei ‘leoncini’, indicati a esempio, modelli di lotta irriducibile. E non  sarebbe una sorpresa se – come sostiene il governo turco – l’azione kamikaze al matrimonio di  Gaziantep sia stata condotta proprio da un adolescente”.
Non una sorpresa perché se anche sono notizia di questi giorni sia il presunto baby­ kamikaze turco  che il fermo del teenager con la maglia di Messi e sotto una cintura esplosiva, l’idea del Califfo e  non solo sua di usare minori come bombe più o meno telecomandata non è certo nata oggi ma ha,  invece, radici ben più vecchie. In un rapporto pubblicato lo scorso febbraio, realizzato per conto  dell’Accademia Militare di West Point, ‘The Islamic State is mobilizing children and youth at an  increasing and unprecedented rate’, erano infatti confermati 89 attacchi suicidi compiuti da minori  in Iraq e Siria dalla metà del 2014. Il 60% avevano fra i 12 e i 16 anni, la fascia di età del kamikaze  di Gaziantep, e almeno undici erano tra gli 8 ed i 9 anni. Solo nel 2015 sono apparsi almeno una  ventina di video con protagonisti i ‘leoncini’.
In genere l’ambiente è idilliaco, zone verdi vicino a  Raqqa, lungo l’Eufrate, dove i piccoli studiano, pregano e sparano all’aperto, saltano ostacoli,  recitano sure del Corano e imparano le arti marziali. E proclamano di sognare il martirio nella  guerra contro gli infedeli.  Studiano, perché per formare questi piccoli kamikaze esistono delle scuole dove i bambini ­bomba  vengono indottrinati. Migliaia di piccoli frequentano i nuovi corsi imposti dall’Isis in tutto il  territorio sotto il suo controllo. Che prevedono due pilastri: Islam nella versione salafita più  estremista possibile, istruzione militare fin dalle prime classi e, finita la scuola, ci sono i campi di  addestramento veri e propri dove si impara ad usare pistole e kalashnikov a dieci, dodici anni,  vestendopiccole tute mimetiche e proclamando che il più grande desiderio della vita è diventare ‘shahid’, ‘martiri’.

Un lavaggio del cervello di cui ora vediamo gli esiti ma che in Africa è già da  tempo realtà. E se l’indottrinamento non da certezze sufficienti sulla capacità almeno dei più  piccoli di farsi saltare in aria, si sfruttano detonatori a distanza. Cioè si vestono i piccoli con le  cinture esplosive, li si manda in un mercato come soprattutto Boko Haram usa fare, e poi qualcuno  appositamente in loco preme il bottone che fa esplodere la bomba.

Nessun commento:

Posta un commento