IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 26 agosto 2016

GLI AEREI RUSSI SPUTTANANO OBAMA

Gli aerei russi in Iran hanno “svergognato” Obama

Bombardieri strategici Tupolev Tu-22
Un analista statunitense fornisce la sua valutazione degli attacchi dell’aviazione russa contro gli obiettivi della Stato Islamico con partenza dalla base in Iran.
L’apparizione dei bombardieri russi dalla base aerea di Hamadan in Iran e’ stato un evento di grande importanza per il conflitto in Siria e per il contesto politico generale, secondo quanto scrive l’analista della rivista The National Interesting, Daniel De Pretis.
Fra le ragioni il De Pretis spiega che, per effetto della minore distanza, i voli dal territorio iraniano hanno permesso agli aerei russi di imbarcare meno combustibile e più’ Munizioni. In questo modo i piloti hanno avuto la possibilità’ di attaccare con più’ capacita’ distruttiva gli obiettivi assegnati.

Per quanto la base aerea di Hamadan sia di proprietà’ iraniana, con personale tecnico iraniano ed i russi siano considerati soltanto ospiti temporanei, l’utilizzo delle installazioni da parte di Mosca è’ stato un modo in più’ di svergognare Obama e di mostrare quanto sia complicata ed instabile la politica degli USA in Siria, afferma l’autore.
Allo stesso modo De Petris sostiene nel suo articolo che la Russia sa quello che vuole ed è’ disposta ad appoggiare Damasco per via militare per fortificare le sue posizioni mentre Washington non sa decidersi a realizzare un intervento diretto.
Da ultimo, secondo l’opinione dell’analista, la collaborazione fra Mosca e Teheran potrebbe dissipare l’ottimismo della Casa bianca in quanto ai cambiamenti della politica regionale dell’Iran.
Nonostante l’accordo circa il programma nucleare iraniano, nel Medio Oriente, Washington e Teheran seguitano a scontrarsi ideologicamente per quanto riguarda i conflitti in corso.
Fonte: The National Interest
Traduzione e sintesi:  Luciano Lago

Nessun commento:

Posta un commento