IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 30 agosto 2016

ANCHE LA FRANCIA CONTRO IL TTIP

Ttip, anche Parigi chiede lo stop ai negoziati

Berlino: negoziato fallito. La Francia: gli americani volevano lasciarci le briciole

LA STAMPA 30/08/2016
Bruxelles, almeno a parole, continua a crederci. Ma il cammino del Ttip (Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti) è in salita. Dopo la marcia indietro della Germania, anche la Francia chiede l’arresto dei negoziati tra Ue e Usa. 

«Non c’è più il sostegno politico a questi negoziati - dice il segretario di Stato al Commercio estero, Matthias Fekl -. La Francia ne chiede l’arresto». Secondo Fekl lo stop alla trattativa dell’Unione europea è legata al fatto che la trattativa appare troppo disequilibrata in favore degli Stati Uniti. «Gli americani - aggiunge - ci lasciano solo le briciole, non è un negoziato alla pari, le relazioni dovranno essere riprese più tardi su buone basi». «Occorre un colpo d’arresto chiaro e definitivo - dice ancora - a questi negoziati, per ripartire su buone basi».  
Bruxelles però non si arrende. Il negoziato è «in una fase cruciale» in cui «la palla sta girando». E l’obiettivo resta quello di «chiudere entro fine anno», dice la Commissione europea, che prova a rassicurare dopo l’ennesimo tiro al bersaglio contro l’accordo di libero scambio tra Ue e Usa. Ieri era stato il ministro dell’economia tedesco, Sigmar Gabriel, a scagliare bordate contro l’accordo. Con le elezioni americane a novembre resta ancora meno tempo, e finora nessuno dei 33 capitoli dell’accordo è stato chiuso. Da qui le dichiarazioni di Gabriel che hanno irritato Bruxelles e «stupito» gli stessi industriali tedeschi, parlando di un «fallimento “de facto”» dei negoziati con gli Usa «anche se nessuno lo vuole ammettere veramente». 

A metà luglio si era chiuso a Bruxelles il 14esimo round negoziale respingendo qualsiasi opzione di versione «light» nonostante il colpo della Brexit. L’obiettivo era avere i testi di tutti i capitoli per la fine dell’estate, con i nodi da risolvere - tariffe, agroalimentare e indicazioni geografiche, appalti pubblici, servizi finanziari, protezione degli investimenti, shale gas - pronti per essere affrontati a livello politico a settembre. «Abbastanza spesso le cose decisive avvengono nel round finale», ha infatti cercato di placare la polemica il portavoce della cancelliera Steffen Seibert, pur riconoscendo che Bruxelles e Washington sono in contrasto «su diverse importanti questioni». Il rush finale, aveva già messo in conto il capo negoziatore Ue Ignacio Garcia Bercero, sarebbe stato tra settembre e ottobre con gli incontri tra la commissaria al commercio Cecilia Malmstroem e la controparte americana Michael Froman, che si vedranno tra l’altro il 23 settembre in occasione di una riunione informale dei ministri del commercio dei 28 a Bratislava. Anche perché all’ultimo vertice Ue a fine giugno tutti i 28 avevano confermato alla Commissione il mandato per continuare a negoziare il Ttip. 

Nessun commento:

Posta un commento